**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le ultime 10 risposte del veterinario

Domanda del 18.9.2017

Gentile Dottore. Ho una bassotta di 14 anni. Prima vivevamo a None, in provincia di Torino, e non mi ha mai dato problemi a lasciarla sola per qualche ora durante il giorno. Da quando ci siamo trasferiti in città a Torino, risulta impossibile lasciarla a casa da sola senza che abbai e pianga tutto il tempo. Anche tornando nella vecchia abitazione, ora abitata da mia figlia, se la lasciamo sola abbaia tutto il tempo.Cosa mi consiglia di fare?
La ringrazio e la saluto cordialmente.
Antonio Venturino

Buongiorno,la senescenza può portare a seri problemi comportamentali. Il mio consiglio è andare da un bravo medico veterinario esperto in comportamento (a Torino ce ne sono!) e dopo la sua diagnosi applicare le terapie consigliate.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 17.9.2017

Buongiorno,

Ho la gatta di 7 anni che ha il pelo diradato sul collo, e sulla pelle senza pelo, grattandosi si è procurata delle croste sanguinanti.Tutto ha avuto inizio

circa 8 giorni fa, e inizialmente il veterinario aveva pensato al morso di un altro gatto che le aveva strappato un po' di pelo sul collo. Poi si è pensato

ad una pulce tra il pelo. Ad oggi la macchia senza pelo sul collo si è allargata tantissimo. E' stato somministrato alla gatta, antibiotico, antidolorofico e

da spalmare sulle ferite, il Vega Olio e un unguento, l'Iruxol. Il grosso problema è che la gatta si gratta di frequente, si strappa il pelo, rompe le croste

e le si stanno formando delle piaghette e il tutto sta aumentando velocemente di dimensioni. Le chiedevo se esisteva un sistema di protezione delle ferite, o un

modo per non permettere alla gatta di grattarsi con le zampe.

Ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti
Angelo Rubino

Buongiorno, direi che il problema è che manca una vera diagnosi precisa.
Pertanto prima di mettere una protezione a mò di cappottino bisogna fare visitare il gatto da un dermatologo specialista e trovare la cura giusta che oggi non c'è.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 13.9.2017

Buongiorno Dottore,
ho un cane meticcio di 1 anno e mezzo, e da sempre ha questo problema di perdite verdi.
Ho fatto una cura antibiotica e ho risolto il problema per un paio di mesi. Poi si è ripresentato.
Cosa mi consiglia di fare?

Buongiorno, credo sia bene che rivediate la diagnosi, eseguendo esami di laboratorio ed una ecografia se necessita.
Senza una diagnosi la più precisa possibile non troverete mai la cura definitiva.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 13.9.2017

Gentilissimo,
disponiamo di un cortile abbastanza grande e vorremmo incoraggiare il cane che ha quattro anni a fare i suoi bisogni all'interno limitando ad una sola le uscite quotidiane. Questo avveniva tranquillamente fino a un anno fa, a cui è seguito un periodo di uscite frequenti che hanno determinato questa nuova abitudine. Ci piacerebbe che riprendesse il suo ritmo naturale nel fare i bisogni in considerazione del fatto che c'è lo spazio a disposizione.

Grazie
saluti
Nina Monne

Buongiorno, non ho idea di cosa dirle sinceramente, credo sia bene mediamente assecondare il cane nelle esplorazioni del territorio a costo di fare un pochino di fatica in più. Poi se non potrete farlo si riadatterà al giardino penso da solo.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 9.9.2017

Gent.le dott. Minetti,
il nostro amato gatto è maschio, castrato, quasi undici anni, vaccinato, vive con noi nel nostro appartamento.
Da un anno avverte il bisogno insopprimibile di far pipì ovunque: sulla terra delle piante in balcone, sui giornali, sui cuscini dei divani, sui materassi. E' un disastro.
Ovviamente la sua sabbiera è sempre pulita, ed è stato visitato due volte dal veterinario che lo segue da sempre, senza che risultasse nulla da segnalare. Ho provato a dissuaderlo con alcuni spray in commercio che ho spruzzato sulle superfici. Ma niente da fare.
Può darmi un consiglio per ritrovare armonia e igiene in casa ? Grazie in anticipo.
Famiglia Lecardane


Buongiorno, può essere un problema comportamentale da indagare in modo adeguato oppure essere correlato anche alla senescenza.
Deve fare una visita comportamentale se tutto è clinicamente a posto.
Cari saluti.
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 8.9.2017

Buonasera dott.,
le scrivo per avere informazioni riguardanti problemi urinari (cistiti) del mio gatto maschio castrato di 1 anno e mezzo. Ho fatto le cure dovute con l antibiotico datomi dal veterinario e le crocchette della Hills c/d; sono diverse settimane che non ha più sintomi: posso tornare a un alimentazione non veterinaria o dovrei prestare accortezza e prendere solo cibi che prevengono cististi e Urinary? Per quanto riguarda la alimentazione Pre-cistite Ho sempre usato marche ottime tra cui Hills, Royal e la loro preferita Prolife.
Grazie per la cortese attenzione

Buongiorno, per stabilire che dieta sia bene usare deve fare almeno il pH urinario, quindi faccia eseguire un esame delle urine.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 7.9.2017

Salve dott. Minetti, mi chiamo Maria e vorrei chiederle un consiglio, vorrei superare la paura degli animali e da un pò di tempo sto ipotizzando di adottare o acquistare un cucciolo di cane. Non sono stata mai morsa da nessun animale e credo sia timore di "qualcosa" che non conosco. Prendere un cane potrebbe essere una buona idea?
La ringrazio!
Maria

Buongiorno, prima di prendere un cane - che poi è come adottare un bambino e poi pentirsene senza poterlo riportare indietro come un pacco - credo sia bene che lei vada presso un allevamento od un canile ed inizi a tenere in braccio un cucciolo, a capire se prova empatia, se lo sente.
Deve avere un contatto fisico, farsi scaldare le mani, farsi baciare la faccia, cullarlo, parlargli piano e coccolarlo. Deve capire se la sua paura sia vera o sia solo legata alla paura di affezionarsi.
Si creano legami molto forti, stimolano in noi l'amore filiale più diretto e semplice, atavico, puro.
E' una esperienza fantastica, ma deve essere certa di non fare uno sbaglio.
Quindi non prenda subito un cane ma inizi un percorso di avvicinamento lento e dolce: se scatterà una scintilla allora lo porterà a casa.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 4.9.2017

Ah io sarei non educata forse lei......mah!! Forse è meglio che va in pensione.
E qui chiudo.
Buongiorno

Ripubblico l'ulteriore risposta per fare vedere a tutti chi è fuori dalla realtà.

Lei non si firma nè si qualifica, dice di essere un medico umano che sa curare gli animali meglio di tutti i medici veterinari italiani, chiede terapie via mail a me: le sembra normale? Sensato? Se lei sa curare gli animali mi chiede se va bene il Bentelan?
Io sono sempre disponibile e corretto, e lo sono verso gli animali per primi onde evitare che comportamenti dei loro proprietari possano essere pericolosi.

Inoltre mi da dell'incompetente e del vecchio da pensionare.
Lei è un medico e non si forma?
Lei è il solito problema di internet e forse un troll, forse solo una persona non corretta e non educata.
Non mi interessa.
Mi interessa che lei non sia pericolosa per altri animali.
Lei la chiuda dove vuole, del resto la figuraccia continua a farla ogni volta che scrive.
Stia bene ma si controlli.

Dr Emanuele Minetti
Medico Veterianrio davvero e non medico a parole.

Domanda del 4.9.2017

Risposta domanda del 2/9, gentile dott Minetti si dia una calmata e una ridimensionata nelle risposte, io sono un medico degli esseri umani pertanto se le ho fatto la domanda sulla faringite era per capire se anche i gatti come le persone possono soffrire di faringite ed essere gestiti con una terpia simile. Per fortuna attualmente il mio gatto sta benissimo e se tutti lo tenessero curato e gestito bene come me, forse voi veterinari potreste chiudere. Buona giornata.


Buongiorno caro non so chi, pubblico la sua risposta maleducata, supponente e che la qualifica per quello che è.
Si dia lei una calmata ed una ridimensionata e veda di firmarsi almeno con nome e cognome come faccio io invece di nascondere la sua arroganza dietro un messaggio anonimo di risposta!!
Almeno sappiamo da chi NON andare mai come medico!!

Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario che non ha la presunzione di curare gli esseri umani ma che sa fare onestamente e correttamente il suo lavoro.

Domanda del 3.9.2017

Salve,le scrivo per il mio gatto Persiano normotipo di 6 anni. Da alcuni giorni mangia e beve di più,è sfuggente,si isola,si infastidisce se viene avvicinato,rifiuta le coccole e non gioca neanche con l'altro gatto di casa. Potrebbe essere stress causato da un nuovo arrivato (cagnolino) o può dipendere da qualche patologia? Sono preoccupata,lui,solitamente comunica molto ed è molto affettuoso. In pratica è la mia ombra.
La ringrazio molto.
Anna

Buongiorno, ovviamente il cambiamento ambientale e la presenza di un cane che sposta di molto le abitudini e le relazioni in casa possono causare enormi problemi di comportamento.
Diverso è se il gatto manifesta sintomi di malattia veri: per saperlo serve una visita ed un prelievo di sangue per capire se la situazione sia normale (gatto sano) o se si sommino due cose, da un lato il problema del cane e dall'altro una malattia iniziale.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com