**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Ottobre 2009

Domanda del 27.10.2009

Ho un PITBULL di tre anni, due settimane fa ha superato una crisi di cimurro, almeno così mi ha detto il veterinario, ( il cane aveva avuto tutte le vaccinazioni)
Cimurro celebrale.

Erano già un paio di mesi che il mio cane a volte si fermava ed iniziava a tremare a lungo senza motivo,
ho il dubbio che incubasse già il cimurro, e sono preoccupato di ricadute.
Cosa posso fare per accertare se il Cimurro ha recato danni od eventualmente per prevenire i danni che potrebbero ancora verificarsi?

La Ringrazio

Luca Barabotti

Buongiorno, esistono analisi di vario tipo (sul sangue, sul liquido cefalo rachidiano) per verificare cosa sia successo davvero nonchè esami collaterali importanti (TAC, Risonanza magnetica) utili a verificare lo stato attuale di salute. La prima cosa da fare è però una visita specialistica neurologica: sarà dopo di essa che si saprà cosa serve indagare in più - magari nulla - e cosa ci si può aspettare per il futuro.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 28.10.2009

Buongiorno Dottore,

Le scrivo per una Sua opinione, poichè neanche col veterinario dei miei gatti riusciamo a venire a capo della questione.
Ho due gatti maschi di quasi un anno, castrati il mese scorso, abbastanza vivaci ma nella norma.
Il problema maggiore è che, periodicamente, fanno i loro bisogni immediatamente fuori dalla loro lettiera (ne hanno due, posizionate in un bagno appartato) ormai è diventata una cosa fissa, da una decina di giorni a questa parte, alzarci al mattino e trovare "regalini".
Il mio veterinario mi ha consigliato di allontanare le due vaschette l'una dall'altra, ma nessun risultato, ha chiesto se sono cambiate delle abitudini famigliari, ma nulla..non sappiamo più come comportarci!
La ringrazio per la disponibiità e porgo cordiali saluti.

Chiara D.

Buongiorno, le eliminazioni di urine e feci cosidette "inappropriate" sono il sintomo di un qualche disagio comportamentale dei suoi gatti. Le consiglio quindi un consulto con un veterinario specialista in comportamento; nel frattepo applichi in casa il diffusore di feromoni appaganti felini facendoselo prescrivere dal suo veterinario curante.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 28.10.2009

Buon giorno sono Giuseppe e volevo chiedere se potevo essere tra virgolette aiutato da un Dott. Veterinario. Nel mese di Maggio di questo anno ho acquistato alla modica cifra di 100 € un Cucciolo di Pastore Tedesco da un privato nella regione in cui vivo ( Lazio ) Roma. Il cucciolo faceva parte di sette della cucciolata nati il 17.03.2009 e quando sono andato io ne erano rimasti due. Ho notato che i genitori erano presenti tenuti non tanto bene sembravano un pò malandati. Comunque ho preso il cucciolo l'ho chiamato Byaron e dopo pochi giorni l'ho portato al veterinario. L'ha visitato e gli ha fatto il primo vaccino dicendomi che il cane era sanissimo e che sarebbe diventato enorme. Il cucciolo era un regalo e di conseguenza l'ho donato a mio padre. Adesso il cucciolo ha più di sette mesi nel frattempo ha fatto i vari vaccini e molto cresciuto sta bene fisicamente è un giocherellone perchè ancora cucciolo,ma la cosa che ho notato e che le sue orecchie fin da quando era cucciolo non si sono mai alzate definitivamente. Siccome ne ho avuti altri e non mi era mai successa una cosa del genere volevo chiedere delle delucidazioni e come comportarmi. Grazie mille Giuseppe.

Buongiorno, senza avere davanti il suo cane è impossibile dire qualunque cosa se non sciocchezze. In ogni caso il problema è solo estetico se non sono presenti infezioni auricolari, che però deve fare valutare dal suo veterinario.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 28.10.2009

Buonasera dott. Minetti, avrei bisogno di un consiglio. Ho 2 gattini di circa 5 mesi, presi da un gattile. Li ho sottoposti a una cura di Itrafungol per micosi e di Vetkelfizina per coccidiosi contemporaneamente e ancora in corso, ed ho appena scoperto che sono affetti da giardia. Tornando a casa ho scoperto che uno dei 2 gatti ha una forte diarrea (tra le altre cose era completamente imbrattata). Vorrei sapere se si tratta di una reazione alla somministrazione di farmaci o è un sintomo della giardia (che inizierò a trattare subito).

La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti. Valentina

Buongiorno, ambedue i problemi intestinali che sono stati diagnosticati (coccidiosi e giardiasi) portano ad una anche grave enterite - infiammazione intestinale - che esita in diarrea spesso molto importante, talvolta emorragica. Deve assolutamente trattare bene i due gatti e farli controllare frequetemente.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 28.10.2009

buonasera, sono un ragazzo di 30 di Monza e ho un cane meticco femmina, sterilizzata incrocio border collie di circa 4 anni, di cui 2 con me e gli altri 2 non lo so. io l'ho ricevuta dall' ENPA
Il cagnolino sta sempre con me e la mia ragazza, in un giardino di 200mq e corre a destra e sinistra tutto il giorno. Il problema mi sorge quando usciamo e andiamo in giro per fare una passeggiata o alla sera o quando capita; il cane mi sembra troppo agitato non sta fermo mai e vuole sempre tirare e correre, anche quando non e' al guinzaglio. Io vorrei sapere, per cortesia, come mai e' sempre cosi iper attivo anche se ha un iardino immenso per correre tutto il giorno, ora mai e' due anni che e ' con noi??? grazie mille del suo tempo, attendo una risposta. buonasera. Buzzi Christian.

Bungiorno, può essere che il cane sia davvero "iperattivo", il che significa che ha una "malattia del comportamento". Pertanto deve fare vedere il cane da un veterinario specialista nel campo e cercare di risolvere con lui la cosa.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 29.10.2009

gentile dottore, desideriamo adottare un cane anziano da un canile del milanese questo cane è molto malconcio e in piu' affetto da demodicosi. il nostro veterinario ci ha sconsigliato per ora l'adozione a causa di un possibile contagio della demodettica ai nostri cani
puo' dirci il suo parere in merito
la ringrazio anticipatamente
le specifico che la rogna è generalizzata e che è stata curata con ivomec non mi pare con grande successo ed ora procede con delle spugnature è anche molto magra
cordiali saluti
valentina

Buongiorno, non sono per niente convinto nè della diagnosi che lei mi riverisce nè della cura che viene somministrata. Direi che dovete quindi agire così: vi fate consegnare il cane per un giorno e lo portate su appuntamento in visita da un medico veterinario specialista in dermatologia. Una volta che la diagnosi sia certa, e valutate le terapie e lo stato di salute del cane, saprete cosa vi aspetta e come potrete e dovrete comportarvi.
Oggi come oggi il tutto mi pare necessiti una ampia revisione.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 29.10.2009

Buongiorno
abbiamo una bellissima cocker spaniel di 3 anni.
Abbiamo sempre fatto in modo di portarla fuori almeno 3 volte al giorno per i suoi bisogni e di piu' nel week end.
Dato che entrambi lavoriamo abbiamo sempre pagato un dog sitter per la passeggiata dell'ora di pranzo. Adesso pero' la spesa del dog sitter ci e' diventata troppo pesante e vorremmo, almeno per un periodo , tagliarla.
cio' significherebbe che il cane rimarrebbe in casa senza fare i bisogni dalle 9 circa alle 6 circa. lei e' brava e non fa la pipi, ma volevamo capire se a lungo andare la cosa le fara' male alla vescica.
grazie
marti

Buongiorno, direi che vi potete rilassare. Potete mettere dei pannoloni assorbenti in casa nel caso il cane avesse una necessità impellente e quindi condurre in passeggiata il cane comunque 3 volte al di: mattino, tardo pomeriggio e sera dopo cena.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 30.10.2009

salve,volevo avere una consulenza. possiedo un pastore tedesco da circa 3 anni. nel primo periodo della sua vita nonostante dimostrasse un carattere dominante non aveva mai dato segi di aggressività. poi si è ammalato di gastroenterite emorragica ed è stato ricoverato in clinica per 4 gg riuscendosi a salvare. dopo questo episodio ha iniziato a legarsi in modo viscerale a me. il punto è che conducendo una vita abbastanza impegnata non riesco a dedicargli abbastanza tempo.il cane ogni volta che viene trascurato da me perde il controllo e inizia ad essere aggressivo ringhiando quando provo a legarlo(forse è un problema ma spesso è legato al collo). l'ultimo episodio è stato particolarmente grave mentre io ero fuori mio nonno ha provato a legarlo e lui o ha aggredito e azzannato cosa ke nn aveva mai fatto prima...ora sono moltopreoccupato perchè penso ke possa rifarlo con persone della famiglia anche se con e non mostra aggressività...devo preoccuarmi? Mirko

Buongiorno, certo che deve preoccuparsi. La responsabilità è tutta sua come padrone, quindi sia civilmente sia penalmente potrebbe dover rispondere di lesioni e danni.
Ma visto che le cose si possono sia gestire sia risolvere in alcuni casi deve subito iniziare un percorso rieducativo sul cane senza andare per tentativi (fanno più disastri che non fare niente) o peggio affidandosi ai consigli dei non esperti o dei cosidetti esperti che invece non sanno niente.
In questi casi l'unica via è quella di affidarsi ad un medico veterinario comportamentalista che come tale le darà una diagnosi precisa, una prognosi ed una terapia, assumendosi quindi lui stesso delle responsabilità precise. In effetti esistono altre figure di educatori laici che però non possono appunto garantirle un percorso univoco e che alla fine devono affidarsi comunque per molte cose ad un medico veterinario; eviti i cosdietti addestratori in prima battuta senza una diagnosi precisa.
Contatti quindi il suo veterinario curante e chieda lui di fornirle il nome del migliore specialista della sua zona di residenza per partire subito. Le assicuro che i costi sono accettabilissimi e decine di volte inferiori a quelli che se non fa le cose per bene andrà certamente a pagare.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  123456