**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Gennaio 2011

Domanda del 17.1.2011

Salve,mi chiamo Mauro e chiamo per il mio gatto che ha 5 mesi e finora non sono ancora riuscito a farlo defecare nella lettiera,dove fa solo pipi,sono disperato,le ho provate tutte,da due lettiere,allo spray repellente,alle gocce per avvicinarlo al punto dei bisogni,tutte le sabbie possibili e anche i giornali messi sul balcone verandato dove dorme la notte e vive di giorno anche se viene spesso in casa,ma dove ho un cane,e' molto selvatico,graffia e mordicchia quando lo prendo in mano,cosa posso fare?grazie

Buongiorno, credo lei debba rivolgersi ad un bravo veterinario molto esperto in comportamento felino.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 18.1.2011

Buon giorno,
Io ho due animali una barboncina di 3 mesi ed una gattina di circa 7. La barboncina viene da una cucciolata privata, è allegrissima. La gattina l'ho trovata abbandonata e tra l'altro è entrata in casa per prima (intorno al 13/11/10),è arrivata dopo circa 15 giorni che era morta la mia cagnolina di 12 anni e le sono molto attaccata, con gli estranei è molto timida.
Sono a posto entrambe con vaccinazioni e microchip e la gattina è stata serilizzata da poco. Dopo un'incontro traumatico (da parte della gatta che era terrorizzata dal cane che voleva giocare)(situazione che è durata quasi 15 giorni), ora hanno un buon rapporto giocano, e dormono insieme.(stanno da sole la mattina poi verso le 14.30 arriva mia figlia da scuola)
Chiedevo questo ho iniziato a notare che la gatta, che prima era terrorizzata dal "fuori" (giardino) ora sembra interessata. So che non posso costringere un gatto a stare in casa, so che comunque se non è adesso sarà questa estate dovrò lasciarla un pò libera, ma tremo all'idea che si possa perdere.Premetto che avendola trovata abbandonata, non so che traumi abbia subito e neanche quanto tempo è rimasta in giro. Non esiste qualche cosa che possa o spruzzare in giardino per delimitarne i confini o qualche suggerimento pratico per far capire alla gatta che starebbe più al sicuro in giardino? (meglio ancora in casa?)
So di essere troppo ansiosa, ma in un giardino vicino al mio ci sono due cagnoline (per'altro piccole) che sono molto aggressive nei confronti dei gatti e negli altri giardini ci sono cani di varie dimensioni ed ho come l'impressione che la mia gattina non sia troppo brava a difendersi .... grazie mille per ogni suggerimento che mi può dare Cinzia

Buongiorno, vorrei avere una risposta che la tranquillizzi ma sinceramente non esiste. Provi a fare intervenire presso il suo domicilio un veterinario esperto in comportamento che possa valutare dal vivo le strategie necessarie a diminuire i rischi che lei paventa.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 18.1.2011

buonasera dottore, ho un pit bull di quasi 12anni che fino ad un mese fa era in ottima forma. Adesso invece ha perso completamente la massa muscolare, dorme sempre, e ho notato che le ghiandole sotto il collo si sono notevolmente ingrossate e molli. Sono molto preoccupata......GRAZIE

Buongiorno, se lei davvero fosse molto preoccupata come afferma sarebbe già corsa un mese fa da un bravo veterinario per vedere cosa sta succedendo al suo cane.
Mi capita tutti i giorni di sentire persone alle undici di sera che mi chiamano perchè hanno una urgenza: per poi scoprire che il cane o il gatto stanno male da giorni e giorni!
Non si affrontano così le cose, mi dispiace.
Neppure scrivendo a me.
Io posso solo dirle che dalle due cose che mi ha scritto il cane è gravissimo e probabilmente in serissimo pericolo di vita.
Vista l'età è probabile abbia un grave tumore (linfoma, leucemia, eccetera) oppure una grave malattia infettiva in stadio molto avanzato.
Detto questo vada subito in una clinica veterinaria attrezzata e faccia vedere il cane ed analizzare sia il sangue sia i linfonodi.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.1.2011

Buongiorno io scrivo per chiere un consiglio: da qualche tempo mi occupo di alcuni gatti randagi oggi mi e' capitato che dopo aver distribuito il cibo come ogni mattina una gatta a cominciato a seguire me e il mio cane durante la passeggiata,all 'inizio non riucivo a capire il motivo poi la gatta si e' fermata davanti a un cancello che si trova proprio dove loro si riuniscono cioe' nel parheggio di un cimitero e si e' messa a strillare allora ho suonato il campanello ma nessuno mi ha risposto e allora dopo vari tentativi ho rinunciato e stavo andando via purtroppo pero' la gatta continuava a seguirmi ed essendo il traggito per tornare a casa mia molto pericoloso ho dovuto allontanarla per evitare che continuasse a seguirci,poi piu' tardi ho chiesto informazioni nella zona e purtroppo ho appreso che la signora padrona di tutti quei mici e deceduta e di conseguenza non c'e' piu' nessuno che si prenda cura di loro cosa potrei fare io in questo caso e a chi mi devo rivolgere per aiutare quasti poveri mici per favore mi dia un consiglio attendo la sua risposta . Grazie

Buongiorno, se lei ha identificato una vera e propria colonia felina la ASL veterinaria ha l'obbligo di intervenire prima censendola e poi occupandosene da un punto di vista sanitario. Quindi potranno intervenire altre figure in loro aiuto.
Provi a parlarne quindi con il suo veterinario curante o contatti direttamente i servizi ASL veterinari della sua zona.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.1.2011

Buongiorno dottore,devo farle una domanda che riguarda l'educazione del cane.Ho un cucciolo di boston terrier di 7 mesi,intelligente ma anche parecchio testone e ostinato.Ammetto di averlo viziato finora,anche perché,essendo sempre impegnata con il lavoro,quando piagnucola perché vuole qualcosa,piuttosto che sentirlo piangere o essere "tormentata"per mezz'ora,preferisco dargli quel che vuole (es.gli cade l'osso e io glielo raccolgo,qualcosa va a finire sotto il divano e io glielo recupero..).So che ho sbagliato,ma se da oggi in poi cambio atteggiamento non rischio di confonderlo?Cosa mi consiglia di fare?grazie.laura

Buongiorno,
il cane può vocalizzare anche per indicare un bisogno o per sottolineare un disagio. In questo caso è necessario accondiscendere alle richieste del piccolo magari facendolo aspettare un minuto o due. Il cane però sta crescendo e la situazione potrebbe modificarsi! Sarebbe opportuno realizzare una visita comportamentale in modo da verificare il significato della richiesta (il vocalizzo) e migliorare la capacità di comunicare con il cucciolo.

Cordiali saluti.

D.ssa Sabrina Giussani
Medico Veterinario Comportamentalista

Domanda del 19.1.2011

Buonasera,
un consiglio abbiamo addottato un cane di 5 mesi meticcio tra collie e volpino il problema che quando la lasciamo sola a casa lei esce dalla presa d'aria per uscire in giardino,e fin qui siamo contenti il problema che riesce ad uscire anche dal giardino uscendo dalle inferriate e va in strada,ovviamente abbiamo provato a chiudere la presa d'aria ma al nostro rientro abbiamo trovato la porta completamente graffiata e non solo la casa sembrava di non riconoscerla a partire dai cuscini,piante bisogni insomma tutto sotto sopra.
Un aiuto come possiamo fare ad abbituarla?non riusciamo a gestirla volevamo renderla all'associazione ma prima volevo un suo consiglio ed eventualmente provare a farla addestrare.
Ringraziando anticipatamente le auguro buona serata

Buongiorno,
per aiutarVi è necessario sottoporre il cucciolo ad una visita
comportamentale presso un Medico Veterinario.
E' opportuno, dapprima, cercare di comprendere come mai il cane ha la
necessità di "evadere" sia dalla casa che dal giardino. Come mai è
così interessato al mondo esterno?
Inoltre, nel caso in cui fosse impossibilitato ad uscire, il cane
effettua distruzioni che sottolineano il disagio provato quando solo e
recluso.
L'addestramento non porterebbe ad alcun risultato: temo che non si
tratti di un problema di educazione ma comportamentale.

Cordiali saluti,

D.ssa Sabrina Giussani
Medico Veterinario Comportamentalista

Domanda del 20.1.2011

Buonasera dott. Minetti. Sono Maurizio.Ho un labrador femmina di 10mesi , a breve andremo (spero) a vivere in una nuova casa con un grande giardino e vorrei prendere un altro cane , mi piacerebbe un doberman o un pastore tedesco. Secondo lei andremo incontro a problemi di ''convivenza'' visto i diversi ''caratteri'' e indole delle due razze?

Buongiorno, prima di inserire un altro cane sarebbe opportuno realizzare una visita pre-adozione in modo da verificare la compatibilità tra i soggetti. Inoltre, è opportuno prendere in considerazione anche le caratteristiche comportamentali della razza scelta in modo che non disattendano le aspettative riposte.

Cordiali saluti,

D.ssa Sabrina Giussani
Medico Veterinario Comportamentalista

Domanda del 20.1.2011

Buonasera Dottore, Sono Maria e vivo vicino a Roma, avrei una domanda sul mio cane.
Ho uno Shi Tzu di 5 mesi e mezzo bianco; vorrei sapere, ogni quanto posso lavarlo? il fatto che sia bianco è un problema, perchè si sporca subito e puzza ed è a contatto con la mia bambina di 3 anni.
Lo faccio uscire tutti i giorni e per igene vorrei lavarlo spesso..gli faccio il bagno 2 volte a settimana ed ho notato delle bollicine sulla pancia che prima non c'erano e quindi si gratta spesso...può essere a causa dei frequenti bagni? sono sicura che non abbia malattie.
Può consigliarmi qualche prodotto da usare per il bagno?
Grazie in anticipo per la sua disponibilità.

Buongiorno, in realtà per darle una risposta sensata sul suo cane bisogna comunque vederlo e visitarlo. Questo perchè non esiste un cane uguale all'altro e questo vale anche per la sensibilità cutanea ed il tipo di pelle, pelo eccetera. I cani che convivono con bambini piccoli vanno lavati quando sono sporchi, questa la mia idea di base.
Se però ciò significa creare danni al cane ovviamente non va bene ciò che lei fa.
La sua affermazione che il cane non sia malato non è inoltre corretta perché le lesioni cutanee (papule o pustole) sono visibili, e ciò significa dermatite.
Quindi faccia visitare il cane e si faccia anche consigliare una shampoo terapia adatta alle sue esigenze ed a quelle del suo cane.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 21.1.2011

Buona sera,
vorrei sapere se è vero che una cagnetta non deve rimanere incinta al suo primo calore e quindi è meglio aspettare dal secondo in poi.
Grazie, Camilla Rodella

Buongiorno, direi che dipende molto a che età compare questo primo calore e dallo sviluppo psicosomatico del cane. Non ci sono regole fisse ma solo buon senso da parte del proprietario e professionalità da parte del veterinario che segue il cane.
E' comunque sempre una buona regola programmare le gravidanze dopo i 18 mesi di età a sviluppo terminato certo per quasi tutte le razze di cane.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 22.1.2011

Buongiorno, ho appena portato la mia mafalda dal veterinario, un pitbull di 12 anni perche' gli si è formata una palla sotto la gola. Dopo il prelievo del sangue, radiografie ed ecografie il mio veterinario mi ha mandato da un oncologo. Prematto che gli esami del sangue erano buoni, soprattutto i globuli bianchi, polmoni e altri organi perfetti. tutto questo mercoledi, venerdi dal oncologo, la palla era scomparsa, comunque gli ha fatto l'ago aspirato sui linfonodi, esito martedi. L'oncologo ha detto che se fosse un linfoma l'unica terapia è la chemioterapia, dicendomi che i cani a differenza degli uomini la tollerano bene lei cosa ne pensa... grazie mille sono disperata

Buongiorno, aspettiamo l'esito degli esami in corso e poi ne parliamo.
Comunque se dopo pochi giorni la lesione non era più evidente forse bisogna essere ottimisti.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano
Pagina  12345