**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Febbraio 2015

Domanda del 6.2.2015

Salve,
io ho una gatta di circa 10 mesi, cresciuta all'aperto con la mamma e i suoi fratellini..L'ho portata a casa che aveva 4 mesi..Nonostante non abbia giardino ma molti campi intorno, ho cercato di abituarla ad andare fuori, ad esplorare..e vedevo che era incuriosita...
Adesso non vuole più uscire: anche se esco con lei al mio fianco e chiudo la porta del piccolo cortile che ho, trema tutta e miagola disperata, graffiando la porta..
Se la porto fuori e la lascio sola, si nasconde dentro ad un vaso vuoto e non si muove di lì...
Grazie mille in anticipo per l'aiuto!

Miriam

Buongiorno, dalla descrizione di ciò che accade sembra che la micia abbia paura.
Le consiglio di non spingere la piccola ad uscire poiché cercherà di evitare il più possibile l'esperienza che la gatta considera negativa.
Possiamo andare verso la porta, aprirla e sederci per terra sulla soglia. A quel punto chiamiamo la gatta e vediamo se è disponibile ad avvicinarsi ed a curiosare.
Se la piccola dovesse avventurarsi oltre la soglia è bene lasciare la porta aperta cosi che possa rientrare al bisogno.
Facciamo queste attività una o due volte la settimana, senza esagerare e "spingere" troppo.
A presto
Sabrina Giussani - Medico Veterinario esperto in comportamento animale

Domanda del 10.2.2015

Salve. Circa 3 anni fa ho sottoposto la mia gatta di 13 anni a visita e analisi del sangue di routine presso un veterinario vicino casa. E' emerso l'ipertirodismo (valore T4 pari a 5) che il veterinario voleva curare. Poichè non mi sono fidata di questo veterinario e sentito il protocollo stressante con analisi ravvicinate e farmaci tossici, decisi di non curare la gatta. Mi stupì anche il fatto di come una gattona di 7 chili, calmissima e con cuore sano e forte potesse essere ipertiroidea. Sono passati 3 anni e non l'ho curata.
Circa una settimana fa ( e siamo al 2015) ho ripetuto tutte le analisi dal mio veterinario di fiducia (oggi la micia ha 16 anni ed è sempre in grande forma) e dell'ipertirodismo non solo non c'è alcuna traccia, ma i valori del T4 sono addidittura di poco sotto al margine inferiore (verso l'ipo).
La mia micia è guarita da sola dall'ipertoridismo? Le analisi di 3 anni fa erano sbagliate? E se l'avessi curata? Devo ripetere le analisi della tiroide? Grazie di una Vostra eventuale e utile indicazione. Lella.

Buongiorno, ciò che conta è ciò che realmente è successo. La sua gatta tre anni fa non era assolutamente ipertiroidea e per certo qualcosa è successo nella gestione del caso clinico per avere fornito un risultato falsamente elevato.
La sua gatta clinicamente non era ipertiroidea, ed il risultato elevato della T4 non doveva essere preso in considerazione come vero ma o come errato (tutti possono sbagliare) e ripetuto aggiungendo altri esami (T4 libera per esempio) per avere un quadro completo.
Il collega ha sbagliato - magari in buona fede - a confermare la diagnosi e prescrivere la terapia senza certezze assolute.
Ciò può purtroppo capitare in ogni campo ed è inutile nascondersi dietro ad un filo.
La cosa importante è ciò che è emerso però oggi: la sua gatta sta bene.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
www.biessea.com

Domanda del 10.2.2015

Salve,
mi chiamo Jessica , volevo porle una domanda. Ho un pinscher nano nero focato, quest'anno compirà 7 anni,da un po' di tempo ho notato che il colore del suo pelo sta cambiando. Ha iniziato a cambiare dal collo , da nero è diventato rossiccio e molto crespo ed opaco poi si è diffuso in tutto il corpo quindi ora è rossiccia ed ha solo la testa nera e lucida come dovrebbe essere. Oggi ho notato che sul collo le è spuntata una ciocca grigia e se alzo i peli quelli sul collo sotto sono bianchi. Ripeto anche che sono molto opachi e crespi come se fossero un po' bruciati. Non può essere l'alimentazione perché mangia solo croccantini e ho un'altra cagnolina che mangia le sue stesse cose ed ha il pelo perfetto. Se lei mi saprebbe dare una risposta. Secondo lei cosa potrei fare?
La ringrazio.
Saluti.
Jessica.

Buongiorno, deve assolutamente fare vedere il cane ad un veterinario specialista/esperto in dermatologia perchè ciò che lei descrive è certamente una malattia importante e forse di difficile diagnosi e gestione terapeutica.
Non sottovaluti affatto la cosa come se fosse un semplice problema estetico perchè quasi sicuramente è un problema ormonale da curare quanto prima.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 11.2.2015

Buongiorno dott. .ho una cagnetta di carlino .a due hernie inguinale. Ora a avuto il ciclo mestruale, il suo utero e uscito di fuori. .e nn rientra più. Sta sanguinando ogni tanto. Mi po dire quanto mi costerebbe il intervento? ?? X favore. .grazie mille. .

Buongiorno, la sua domanda è sbagliata ed io non sono quello che stabilisce i prezzi delle prestazioni dei veterinari in Italia!!
Io non so cosa una clinica possa fare pagare questo intervento perchè nulla so del suo cane e di ciò che deve fare per essere salvato perchè mai visitato da me.
Lei in realtà deve andare quanto prima a fare operare il cane altrimenti muore.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 11.2.2015

buongiorno
il mio cane meticcio di quasi 12 anni da circa 1 mese stenta o addirittura rifiuta di mangiare il suo abituale pasto di crocchette da sempre gradite. nonostante lascio il suo cibo nella ciotola è capitato che resta anche per 1 giorno intero senza mangiare. se invece gli propongo il nostro cibo ecco che lo mangia con soddisfazione. Cosa posso fare? perchè secondo lei questo improvviso e strano comportamento?
La ringrazio sin d'ora per un suo eventuale consiglio o suggerimento.

Kelly

Buongiorno, in effetti può essere sia un alterato comportamento sia un problema di appetibilità oppure francamente legato ad una patologia in corso.
Per esempio di solito si sottovalutano moltissimo i problemi del cavo orale, quindi della bocca e dei denti in particolare.
Poco ci si cura purtroppo del dolore derivante dalle malattie parodontali, o dentali, cosa che invece, oltre ai danni che esse causano, può essere messa in relazione ad una forma di anoressia relativa.
Detto ciò io le consiglierei una accurata visita generale per capire se qualcosa in effetti non va, l'età è abbastanza avanzata, e molte sono le piccole e grandi magagne che vanno affrontate con decisione.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 12.2.2015

Salve dottore ho una cucciole che ha quasi 4 mesi (cane) le sto facendo le vaccinazioni.. la mia veterinaria mi ha consigliato un nuovo ciclo vaccinale che intende più vaccinazioni ora sono al 3 vaccino e ora tra una settimana devo ritornare per fare la LEPTO 3 vaccini che si chiamano Eurican CHP merial sono 3 uguali ora ne deve fare altri 3 volevo sapere se ho fatto bene ad accettare questo nuovo ciclo vaccinale che è uscito da poco mi può chiarire .. la ringrazio in aticipo un ultima domanda ma la mia cucciola solo dopo aver fatto tutti i vaccini può uscire nel senso col guinzaglio a terra per strada ??? grazie mille attendo una sua risposta al fine di chiarirmi le idee avevo bisogno di un secondo consulto

Buongiorno, sinceramente non so cosa dirle perchè i cicli vaccinali sono dei veri abiti su misura a seconda di dove vive il cane ed a che rischi è esposto quotidianamente.
Un tipo di ciclo vaccinale così però non lo ho mai nè fatto nè sentito fare, ma sicuramente sarà ignoranza mia...
Usualmente si iniettano vaccini polivalenti (da quattro a sette valenze per dose dichiarate dal produttore) che in due o tre volte portano l'animale ad essere vaccinato per tutto, e quindi a poter avere presto una vita sociale e di relazione normale potendo uscire tranquillamente senza molti inutili patemi.
Io inoltre sono molto critico sul fatto che i cani non debbano uscire assolutamente di casa sino al termine del ciclo vaccinale: anche qui bisogna usare il cervello e cercare di capire che una cosa è portare il cane in una situazione ad alto rischio epidemiologico ed una cosa è fare una passeggiata magari sotto casa od andare a casa di amici.
I nostri figli escono in prima elementare di casa od anche prima di avere finito le vaccinazioni?
Direi che con ironia mi pare che qui si stia esageerando oppure ci si prenda poco la briga di informare ma anche di informarsi ben,scientificamente, su cosa sono i rischi e le reali precauzioni da prendere.
Sinceramente perplesso credo sia bene stare attenti a chiedere prima di fare anche ad altri professionisti un parere: chiedere dopo non serve a molto.
Saluti
Emanuele Minetti DVM
Milano

Domanda del 12.2.2015

POSSIEDO UN CANE CORSO CHE ORA HA DUE ANNI. SPESSO MOSTRA TREMORE ALLE ZAMPE,A VOLTE UNA A VOLTE DUE ,A VOLTE ANTERIORI ,A VOLTE POSTERIORI.
hO CHIESTO AL MIO VETERINARIO CHE MI HA GUARDATO IN MODO INTERROGATIVO E POI MI HA DETTO CHE TRATTASI PROBABILMENTE DI UN FATTO NERVOSO DI CUI NON TENER CONTO.. IO INVECE CI TENGO CONTO E GRADIREI UN SUO PARERE. GRAZIE

Sandro Generali- via dell'Amazzonia 21-03100 Frosinone
cell.3477818112

Buongiorno, vista la razza ritengo sia importante che il suo cane sia indagato bene sul problema che lei descrive.
La prima cosa da fare è una visita di consulenza ben fatta presso un veterianrio esperto/specialista in neurologia (a Roma ci sono alcuni colleghi fra i migliori in Italia).
In seguito sarà lui ad indirizzarla eventualmente da un veterinario ortopedico od un veternario internista per ulteriori indagini se il caso non fosse di sua competenza diretta.
Mi sappia dire poi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monetceneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 12.2.2015

Sto per acquistare un bulldog inglese mi è stato detto che devo aspettare due mesi di allattamento, la mia domanda è questa:
È possibile far fare una visita di controllo al cane anche se è cosi piccolo ?
Vorrei essere sicuro della sua salute prima di comprarlo.
Grazie

Buongiorno, la sua domanda è perfetta e molto pertinente.
Io consiglio da 30 anni di fare una visita preventiva a proprie spese presso un veterinario, magari anche esperto anche della razza. Sapesse quante magagne e truffe noi vediamo perchè ci si fida del venditore.
Quindi si organizzi, e faccia come lei ritiene sia giusto fare: se il venditore si oppone allora lasci stare e cerchi altrove il suo cane, evidentemente ha la coscienza sporca, magari poco, ma candida no...
Saluti
Emanuele Minetti DVM
Viale Monetceneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 12.2.2015

Salve Dottore, spesso vicino casa mia si aggira una volpe, a cui diverse persone danno da mangiare. Ieri sera mentre portavo a spasso il mio cane Axel l'ho visto mettere in bocca qualcosa, sono andato a controllare meglio e aveva un ossetto che sicuramente poco prima aveva leccato la volpe (ovviamente l'ho subo preso e gettato via). Axel ha circa 2 mesi e mezzo e ha gia fatto 2 vaccini, volevo sapere se può essere un rischio o procurare malattie il fatto che axel abbia messo in bocca un avanzo delle volpe.

Saluti e ringraziamenti anticipati

Francesco

Buongiorno, non posso sapere il rischio epidemiologico nè immaginare nulla sulla base di ciò che lei mi scrive. Eviterei comunque, sapendo che la zona è frequentata da animali selvatici, di lasciare il suo cane libero di fare queste cose, ma solo come precauzione. Chieda ai colleghi della zona se sono a conoscenza di problemi in tal senso.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Montecenri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 14.2.2015

Salve ho adottato un cucciolo di jack russel il veterinario mi ha detto che gli ascaridi e dopo la pillola li ha vomitati e anche cacciati dalle feci insieme a delle uova.Il cane pesa 800g e lo tengo nel trasportino pulendolo ogni volta che ne ha bisogno. Ho due bambini in casa di 4 e 5 anni e non glielo sto facendo toccare.ho paura di un contagio.Mi può dire se sarebbe opportuno non tenerlo in casa fino all'avvenuta guarigione e se la candeggina distrugge le uova di questi parassiti.Ho molta paura per i miei figli La ringrazio e attendo una Sua Risposta.Saluti

Buongiorno, stia tranquilla. I suoi figli non mangiano le feci del suo cane, unico modo per contagiarsi con gli ascaridi, anche se evento difficilissimo da verificarsi.
Quindi usi nuovamente i farmaci per i vermi secondo quanto prescritto dal collega.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com
Pagina  1234