**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Novembre 2017

Domanda del 1.11.2017

Buongiorno
Purtroppo il mio micio è un mese che mi fa tribolare e non mi lascia tregua. Verso fine settembre ha avuto un blocco all'uretra a causa di calcoli alla vescica.
La situazione era abbastanza critica perché diverse volte si è bloccato il catetere e glil hanno sostituito 5 volte. Anche se non mi sembrava possibile, il gatto è sopravvissuto. Ha poi tentato il catetere per una settimana. Al controllo per togliere il catetere sembrava tutto ritornato nella norma.
Il problema è che da allora continua ad avere un sacco di problemi. Ho urina praticamente ovunque.
Ho notato che il problema arriva soprattutto dopo che mangia: comincia a girare in cerca di un modo per fare la pipì e si ferma per farla. Alcune volte urina mentre altre no. Tuttavia vedo che ha dolore ogni volta che urina.
La scorsa settimana gli ho dato per 4 giorni un antidolorifico prescrittomi dal veterinario. Il problema in quei giorni è leggermente migliorato, ma tuttavia è rimasto. Ad oggi la situazione è ritornata la stessa. Purtroppo il problema rimane: ogni volta che urina soffre.
Non so più cosa fare..
La ringrazio per L attenzione
Federica

Buongiorno,
credo sia necessaria una consulenza presso un istituto/ospedale/clinica veterinaria di referenza specializzato con chirurghi ed attrezzature all'avanguardia.
Di più non posso dirle sulla base di ciò che mi scrive.
Emanuele Minetti

Domanda del 4.11.2017

Federica
Buongiorno,ho due gatti di 5 e 4 anni (maschio e femmina entrambi sterilizzati).
Viviamo in un appartamento e vorremmo capire se possiamo accogliere un cagnolino senza creare traumi ai due micetti.Grazie

Buongiorno, usando le dovute cautele ed attenzioni facendosi aiutare da un medico veterinario comportamentalista non farete danni o pasticci ed arriverete ad una situazione assolutamente buona.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 5.11.2017

Buongiorno mi chiamo Massimiliano, ho un Labrador femmina di 19 mesi, continua a mangiare le feci degli altri cani, premetto che le sceglie e non sempre lo fa, il mio veterinario dice che è una cosa abbastanza normale e che purtroppo non c'è nulla da fare, mentre il mio addestratore dice che è una carenza di sali minerali. C'è un rimedio, cosa posso fare? Grazie e attendo risposta...

Buongiorno, la carenza di sali minerali è una storia vecchia.
E' quindi quasi sicuramente un problema comportamentale da affrontare con un medico veterinario comportamentalista e non con un addestratore che non ha le competenze per occuparsi di queste problematiche.
Prima escluda però con il suo veterinario le altre possibili cause mediche (parassitosi, piccoli corpi estranei, eccetera).
Saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 7.11.2017

Buongiorno, il mio gatto ha un forte raffreddore ed ha tosse e raucedine da molto tempo. Speravo guarisse da solo, ma vedo che il suo malessere continua anche se ha appetito e il suo aspetto non sembra risentirne. Puo^ essere contagioso ? Grazie Raffaella

Buongiorno, mi pare che lei si preoccupi davvero poco per la salute del suo gatto.
Per voi umani di casa non esiste alcun rischio o problema.
Per il gatto invece è necessario che lo portiate da un bravo medico veterinario esperto per un controllo accurato. Esistono infatti forme di malattia come da lei descritte che se non adeguatamente curate possono anche avere per lui esiti fatali.
Peraltro la legge italiana stabilisce chiaramente che i proprietari che non curano i loro animali sono passibili di denuncia penale per maltrattamento, e recenti sentenze di condanna anche pesanti lo hanno stabilito in modo chiaro ed indiscutibile.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 9.11.2017

Buongiorno
mi chiamo Martina e il mio cucciolone si chiama Dylan, è un meticcio, ovvero un incrocio tra labrador e amstaff di 4 anni e 26 kg di felicità che entrarono nella mia vita grazie ad un adozione .
ma veniamo al punto, cira un mese e mezzo fa Dylan è stato sottoposto a intervento di TPLO per rottura del crociato posteriore destro, la causa non è nota in quanto da un giorno all'altro Dylan non ha più puntato su quella zampa... è un cane esuberante ma tranquillo , ed ha una massa muscolare molto pesante, l intervento è stato eseguito dal mio veterinario di fiducia che segue tutte le mie varie bestiole da circa 20 anni, ed è specializzato in ortopedia. mi ero informata sia sul post operatoria (cosa non e cosa può fare il cane) sia sui tempi di recupero che cono molto lunghi, però inizio ad essere preoccupata... Dylan subito dopo l'intervento zoppicava a freddo, ovvero per i primi passi poi recuperava l'andatura , adesso invece zoppica per più metri rispetto a prima e quando lo porto a fare una breve passeggiata dopo circa 300 metri si impunta e vuole tornare indietro. preciso che nelle visite di controllo posto operatorie e stato più volte drenato una piccola raccolta di siero che si formava nella ferita, ma ultimamente non si era più ripresentata, il cane inoltre ha un tono dell'umore un po abattuto , era abituato a fare lunghe passeggiate in montagna e tra boschi, mentre adesso ci limitiamo solo a frequenti e brevi passeggiate nei dintorni dell'abitazione. il muscolo della coscia destra si sta gradualmente atrofizzando nonostante la ginnastica passiva che personalmente gli faccio fare, sempre come indicato dal mio veterinario ma in sostanza mi avevano detto che il recupero era lento ma io lo vedo peggiorato rispetto a poco dopo l'intervento e non so cosa fare... il mio terrore è che non utilizzando la gamba destra possa sforzare troppo la sinistra e rompersi o lesionarsi anche l 'altro crociato, oppure restare zoppo...
ancora non ho chiesto un consulto fisioterapico e non ho ancora sentito un altro specialista perché il mio veterinario ogni volta che lo porto per il controllo dice che è tutto regolare, sinceramente non ha neanche mai fatto una lastra rx di controllo .. mi consiglia di vedere un altro esperto ? o forse mi sto solo preoccupando troppo ?
spero possa aiutaci... non so davvero cosa fare

Buongiorno, purtroppo non posso dirle altro che provare a fare una visita di consulto se la situazione a distanza di molto tempo dall'intervento non migliora.
Ciò non significa che il collega abbia sbagliato intervento nè che la situazione sia anormale, non ho alcun dato per dirlo o pensarlo, anzi purtroppo i cani che si rompono così spesso sono geneticamente difettosi e difficili da curare/gestire/guarire. Lo dico perchè lei ha una forte ansia che non so se sia giustificata e l'unico modo per capire è un parere diverso ma da un collega iper-referenziato.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 10.11.2017

al mio cane è stato diagnosticato un calcolo grANDE ALLA VESCICA come devo comportarmi lo devo per forza operare?

Buongiorno, di solito è inevitabile sottoporre ad intervento il cane se il calcolo è di grandi dimensioni perchè mai si riuscirà a sciogliere.
Ma questo lo deve dire il medico veterinario che le cura il cane.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

PS: le rispondo solo per il bene del cane, però se lei mi scriverà ancora in modo così poco educato cancellerò la sua mail.

Domanda del 11.11.2017

buonasera dottore
la ringrazio intanto per aver risposto riguardo l 'intervento di TPLO del mio Dyaln. Ieri ha fatto una lastra ed è stata riscontrata un infezione all'osso del ginocchio dove c'è la placca , al momento fa antibiotico terapia se non migliora dovrà essere operato. Non so se sia un cane particolarmente sfortunato oppure la sua genetica, ma credo che prima di farlo operare consulterò un altro specialista. Purtroppo viviamo in un piccolo paese di montagna a Belluno e specialisti non ce ne sono, lei saprebbe consigliarmi qualcuno qui in veneto ?

Buongiorno, in Veneto ci sono ospedali veterinari e cliniche - anche vicino a lei - con bravissimi ortopedici.
Ovviamente non posso segnalarli io per questioni di regole e norme.

Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 12.11.2017

Buongiorno, le scrivo perché devo sterilizzare con urgenza due cucciole che devo togliere alla famiglia che le aveva adottate perché non più gradite e tenute in condizioni inaccettabili. Chiaramente loro non contribuiranno, ma io per portarle via mi farò carico della spesa. Volevo chiederle se poteva segnalarmi uno studio dove andare su Milano che potesse aiutarmi a contenere i costi. Sono due taglie medie circa 20 kg.
Grazie mille

Buongiorno, mi spiace ma deve per forza fare lei le telefonate e chiedere informazioni, io non posso per le norme deontologiche.
In alternativa può sentire la ASL Veterinaria di Milano al canile di Via Aquila.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 15.11.2017

Buongiorno. IL mio gatto ha un problema di sanguinamento (sangue rosso)quando defeca. Ho fatto ecografia addome e non ha nulla. Ovviamente se prosegue farò altri accertamenti. Intanto le chiedevo cosa posso dargli per rendere la sua popo' un po' meno dura? La mia veterinaria mi ha consigliato un po' di olio nel cibo. Ma sembra che non funzioni molto.
Grazie. Cordiali saluti.
Paola

Buongiorno, può usare alimenti specifici che evitano che ciò accada. Li trova nei negozi specializzati nei dietetici.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.minetti.com

Domanda del 20.11.2017

Buongiorno,
avrei bisogno di un consiglio.
Ho adottato un cane tipo setter inglese di 4 anni e mezzo, spiego in breve il suo percorso: è stato preso dal canile a 6 mesi ultimo sopravvisssuto di cucciolata e mamma. per 4 anni chiuso in un appartamento e non considerato dal proprietario che non l'ha mai portato in giro e non era neanche mai a casa, tanto che 1 mese fa l'ha riportato in un'altro canile.
Ora l'ho portato nel mio giardino con un'altra cagnolina di 7 anni bravissima e tranquillissima ma è spaventato da tutti i rumori tanto che tenta sempre di scappare (e a volte ci riesce), sguardo disperato e si muove con la coda tra le gambe in continuazione.
Io non posso essere a casa tutto il giorno e non posso tenerlo in casa, cosa posso fare per lui?
Grazie del consiglio

Valeria

Buongiorno Valeria, la prima cosa da fare è applicare ogni mese il collare ai feromoni canini, poi deve per forza trovare un collega esperto che la aiuti a rimediare alla situazione con una diagnosi comportamentale corretta e l'uso di adatti integratori ed atteggiamenti suoi e della sua famiglia.
Non sarà facile, ma è possibile se si fa tutto per bene e senza lesinare nell'uso di un bravo specialista. Dal web non avrà mai la soluzione che va trovata invece nella realtà.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com
Pagina  12