**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

31.12.2017

"Legge di Lucy"

In questi giorni migliaia di cuccioli sono stati regalati come se fossero un giocattolo e questo porta a una tremenda conseguenza in tutto il mondo: mentre molti allevatori svolgono il loro lavoro in maniera responsabile, altrettanti considerano gli animali solo come una fonte di business. E così migliaia di cagnoline passano la loro vita a mettere al mondo cuccioli come se fossero dei prodotti: ma il governo inglese ha deciso di mettere fine a questo business crudele, mettendo sotto la lente di ingrandimento le cosiddette “fabbriche dei cuccioli”. Il primo ministro Theresa May ha deciso di vietare la vendita di cuccioli senza la presenza delle loro madri. Questo per impedire ai criminali di usare il web per vendere animali malati o abusati, il primo ministro ha previsto che i cuccioli non possano venire separati dalla madre prima della vendita; che la vendita possa avvenire solo alla presenza dei nuovi proprietari per eliminare il mercato nero online; mettere al bando i venditori di cani che non provengano dal loro allevamento; regolamentare le inserzioni pubblicitarie, comprese quelle online in modo che i venditori debbano sempre pubblicare il loro numero di licenza, il paese d'origine e il paese di residenza dell'animale domestico.
Il pacchetto di norme è stato battezzato “legge di Lucy”, in memoria di una cagnolina salvata da una fabbrica dei cuccioli . La sua è stata una vita piena di abusi, come tante altre femmine di cane usate per sfornare piccoli da vendere nei parcheggi o online. Lucy è stata salvata nel 2013 e ha vissuto gli ultimi tre anni della sua vita coccolata dall'amore di molte persone. Lucy ora non c'è più, ma se la “legge di Lucy” verrà approvata sarà la più importante eredità che potesse lasciare:

30.12.2017

Cani e gatti insieme?

Il Professor Joseph Terkel dell'Università di Tel Aviv ha pubblicato i risultati di una ricerca su un campione di duecento persone che convivono con un cane e un gatto. Sembra incredibile ma questi sono i risultati: solo nel dieci per cento erano presenti situazioni apertamente conflittuali. In un quarto del campione cane e gatto si ignoravano, ma in tutti gli altri casi avevano stabilito una relazione amichevole. Il 65 per cento delle volte insomma, cane e gatto conviventi, si salutavano affettuosamente incontrandosi, mangiavano, giocavano e dormivano insieme.
Terkel sottolinea che cani e gatti, hanno molti segni di amicizia o ostilità opposti, tipo: il cane agita la coda in segno di amicizia, il gatto quando è nervoso. Il gatto evita di guardare quando minaccia, per il cane quello è un segno di sottomissione, eppure nelle convivenze quando un cane agita la coda il gatto va strusciarsi affettuosamente come se avesse imparato la lingua del cane.
Ma la coabitazione ha più change di successo se il gatto arriva in casa prima del cane. E questo anche perché la coabitazione con il genitore “umano” ha reso più infantili entrambi.

24.12.2017

No cuccioli per Natale!

Ci siamo: il conto alla rovescia per Natale è iniziato e in questi giorni gli appelli delle associazioni animaliste a non regalare cuccioli si sprecano. Naturalmente noi ci associamo.
Come ogni anno vogliamo ricordare che se un oggetto si può cambiare se non ci piace, o addirittura buttare quando ci ha stufato un cane o un gatto restano per tutta la loro vita.
Secondo Ilaria Ferri direttore scientifico dell'ENPA ente nazionale protezione animali “negli ultimi anni non solo non si è smesso di regalare animali, ma non ci si limita ai soli cani e gatti, e a finire tra i vari pacchetti sotto l'albero sono anche molte specie esotiche come furetti, cani della prateria e anche iguane. La loro gestione però è alquanto difficile e questi cosiddetti “doni” vengono abbandonati con leggerezza.
Può succedere così che in un laghetto del parco vediamo improvvisamente nuotare delle tartarughe di acqua dolce. Ma ricordiamoci sempre che anche cani e gatti hanno le loro esigenze che però non sono sempre compatibili con gli impegni di chi li riceve in regalo.
Non finiremo mai di ripeterlo anche a costo di diventare noiosi: se desiderate assolutamente fare un bel regalo d'amore per i nostri amici, offrite per Natale un'adozione a distanza. E' tutto

23.12.2017

... per natale menu vegetariano?

In occasione delle ormai prossime festività, la LAV invita a preferire dei menu vegetariani in alternativa alle tradizionali tavole imbandite con pollo, agnello, capretto, maiale o altri animali. Sono due le proposte della LAV per contribuire a ridurre il sacrificio di animali tradizionalmente in aumento nel mese di dicembre, in contraddizione con una festività religiosa che ci vorrebbe tutti più buoni e generosi: un menu dai sapori delicati, disponibili su www.lav.it. Gli allevamenti intensivi, infatti, costituiscono una imponente fonte di gas serra, oltre ovviamente ad essere causa di sofferenza per miliardi di animali.
Le festività natalizie rappresentano quindi l'occasione ideale per preferire un menu vegetariano salvaguardando la propria salute, l'ambiente e la vita di tanti animali. E tutto questo senza rinunciare al gusto e, addirittura, risparmiando. Vantaggioso anche il risparmio economico considerando che un secondo a base di carne o pesce ha un costo medio di 15 euro al chilogrammo contro i pochi euro di un ottimo secondo vegetale, salutare e proteico; infine, la scelta vegetariana contribuisce a diminuire l'impatto dei nostri consumi sull'ambiente”. Ricordiamoci quindi ricette menu di Natale LAV su www.lav.it.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660661662663664665666667

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.