**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

30.9.2015

Fiori di Bach per viaggio in aereo

"Salve. Devo partire a giorni per una vacanza, porterò con me la mia cagnolina Jacki di 5 anni. I fiori di Bach mi possono aiutare a farla stare tranquilla e serena durante il volo? Aggiungo che non sarà nella stiva. Grazie Tatiana"
Risponde la dottoressa Gabriella Pieroni, medico veterinario ed esperta in floriterapia di bach.
www.dr-gabriellapieroni.com:
"In caso dei viaggi in aereo possiamo aiutare i nostri animali ad affrontare questa nuova esperienza senza grossi traumi o ricordi spiacevoli.Parliamo di animali che ci permettono che viaggino con noi incabina e quindi nel loro trasportino vicino a noi.Questo ci permetterà di poter osservare come stanno durante il viaggio e di poter somministare loro i Fiori se li vediamo in ansia o spaventati.Bisognera' per quezto farsi preparare una boccetta di Fiori con Rescue Remedy insieme a Mimulus.
Due giorni prima della partenza si inizierà a darne 4 gt 4 volte al giorno.il giorno del viaggio ne daremo 4 gocce prima di uscire di casa poi altre 4 quando si sale in aereo e da quel momento in base acome reagisce il nostro animale potremo darne anche ogni 5 minuti.Normalmente alla 5-6 dose il nostro beniamino tira un sospiro e si rilassa ma se così non fosse voi potete aggiungere altre gocce magari sulla testa o sulle zampe e questo attenderà molto la sua ansia.Questa modalità di somministazione Del Rescue Remedy in questo caso con aggiunta di Mimulus è quello che si deve sempre adottare quando abbiamo una situazione acuta di disagio o spavento perché per avere un buon effetto il Rescue va ripetuto piu volte e non solo una come molti pensano non ottenendo così il risultato sperato".

29.9.2015

Pillola anticoncezionale per cinghiali

In occasione dell'apertura della caccia da parte della Lav, la Lega antivivisezione, arriva una proposta rivoluzionaria che farà discutere e non mancherà di creare malcontento tra quelle categorie di cacciatori, i cosi detti cinghia listi. La considerazione della LAV è semplice: i cinghiali sono tanti, l'Ispra, l'Istituto statale per la protezione e la ricerca ambientale, calcola che in Italia ce ne siano oltre un milione; creano danni all'agricoltura distruggendo raccolti e facendo incursioni negli orti persino all'interno delle città; a volte possono diventare pericolosi oltretutto si riproducono a ritmi industriali. Ed ecco la proposta della LAV: visto che in qualche modo debbono essere fermati, perchè ucciderli a fucilate con tutti i pericoli che comporta usare armi da fuoco, quando è sufficiente renderli sterili e fermarne così la prolificazione per molti anni?
Questo il progetto, nei boschi viene lasciato mangime con l'anticoncezionale in dispenser che solamente i cinghiali sono in grado di aprire. Prendono la «pillola» e il gioco è fatto. «Nel giro di tre anni - la popolazione di cinghiali viene così fortemente ridotta ma soprattutto fin da subito non subisce più incrementi». Tutto risolto, allora? No. C'è da giurare che i problemi saranno più di carattere «politico» che pratico, specie da parte dei cacciatori: anche se con meno danni all'agricoltura, tolti i cinghiali, a che cosa potranno mirare le loro doppiette?

28.9.2015

Cinque anni e mezzo, è tardi per una gravidanza?

Oggi per la puntata del veterinario rispondiamo a Vale che vorrebbe sapere l'autorovole parere del nostro dottor Minetti sulla eventualitá di fare accoppiare la sua cagnolona di 5 anni e mezzo. Aggiunge che ultimamente si sono verificati dei cicli irregolari dovuti a cisti follicolari". E' troppo tardi x una prima gravidanza? Premetto che la sua salute generale è ottima”.
Sentiamo cosa ci dice Emanuele Minetti, medico veterinario a Milano e collaboratore prezioso di Prontofido.
Buongiorno Loredana e buongiorno agli ascoltatori di Prontofido e di RadioMonteCarlo.
Il problema da lei evidenziato è clinicamente piuttosto frequente: calori irregolari, espressioni estrali anomale, false gravidanze fanno parte di una quotidianità per noi veterinari che sempre ci viene riproposta.
Il problema è che le soluzioni che vengono riportate, per sentito dire oppure sul web, troppo spesso non sono scientificamente pienamente accettabili o proprio non corrette per il benessere dei singoli soggetti affetti da tali disturbi ormonali.
Infatti una gravidanza non è quasi mai la soluzione anche se casualmente – o per pura fortuna – può anche capitare lo sia. Solo il veterinario curante, od un collega che si occupa di riproduzione e ginecologia come attività principale professionale, sarà in grado di stabilire se il suo cane debba essere trattato oppure sterilizzato chirurgicamente onde evitare problemi più gravi in futuro.
Dovrà quindi fare eseguire esami di laboratorio ed almeno una ecografia addominale che sono il minimo di indagini utili per avere un quadro della situazione clinica.
Cari saluti a tutti ed alla prossima settimana.

25.9.2015

Gatto ingordo

Salve dottoressa Giussani, il mio gatto di due anni, è molto ingordo, anche se ha mangiato da poco e sicuramente non ha fame, se trova la ciotola piena lui finisce tutto velocemente. Molto spesso capita che dopo aver mangiato vomiti, c'è un modo per abituarlo a mangiare "più lentamente"? La parola alla dott. Sabrina Giussani
Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale.
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Il gatto è un animale che, normalmente, mangia poco e spesso durante il giorno e la notte. Quest'atteggiamento è legato al fatto che il piccolo felino caccia prede di piccole dimensioni e le consuma subito. Tra le mura domestiche il gatto riproduce lo stesso comportamento.
Quando l'animale, invece, si getta sul cibo e ne consuma grandi quantità, possiamo essere di fronte a una malattia organica o comportamentale. Anche un gatto che durante la crescita ha sofferto la fame, poiché trovava poco cibo magari dopo aver percorso molta strada, può assumere l'alimento in modo eccessivo. Un gatto affetto da deficit degli autocontrolli può rubare il cibo e ingerirne grandi quantità poiché disperde molte energie correndo e saltando e gli “sembra di non essere mai sazio”. Un gatto che non ha nulla da fare durante la giornata può concentrare la propria attenzione sul cibo e vivere in funzione dell'alimento. Un gatto anziano affetto da demenza senile, invece, può mangiare una grande quantità di cibo poiché ha “dimenticato” di averlo già consumato poco prima.
Consiglio all'ascoltatore di realizzare una visita presso un Medico Veterinario Esperto in Comportamento per verificare se il gatto è affetto da una malattia organica o del comportamento e impostare un corretto progetto terapeutico. È importante sottolineare che mettere a dieta il gatto non risolve il problema, anzi lo amplifica poiché aumentando l'irritabilità spesso aumenta anche l'appetito così come accade a noi quando tentiamo di perdere peso."




Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.