**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.9.2015

Medici rimpiazzati da cani

Lord David Prior, sottosegretario di Stato per la sanità della Camera dei Lord inglese sostiene che un medico può essere rimpiazzato da un cane. La sua proposta è quella di «assumere» negli ospedali britannici un team di quattro zampe, capaci di fiutare malattie come il cancro. Ma non è tutto: per scoprire se una persona ha il diabete potrebbero invece bastare le formiche: il paziente fa la pipì contro un muro, e se loro accorrono in massa in quel punto, vuol dire che le urine potrebbero contenere un'elevata concentrazione di glucosio. Per le donne bisognerà inventarsi qualcos'altro. «L'utilizzo dei cani in ospedale sarebbe molto più economico rispetto all'assunzione di un nuovo staff medico - sostiene Lord David Prior -. Addestrare un animale costerebbe infatti allo Stato appena 15.500 euro». Siccome i cani hanno un olfatto 10 milioni di volte più sensibile rispetto a quello degli umani, secondo il Lord vale la pena addestrarli per questo obiettivo.
Nei prossimi mesi, verranno comunque approfonditi altri esperimenti per far diagnosticare ai cani il tumore al seno. Come? Annusando l'alito delle donne. Ci sarà poi da capire se i pazienti si fideranno delle diagnosi di Fido.

22.9.2015

Sindrome da rientro

Sapevate che la sindrome da rientro colpisce anche i nostri animali domestici? E a soffrirne sono sia il gatto che il cane nella stessa misura, l'unica differenza sta nella scelta fatta del padrone se li ha portati con sé o se li ha lasciati in pensione.
Parlando di viaggio con i gatti bisogna parlare con loro in continuazione e mettere il trasportino in modo che possano guardare il padrone.
Ma sembra proprio che le contromisure allo stress da rientro non esistono, dobbiamo cercare di non costringerli ad essere affettuosi, meglio aspettare un po' di tempo e intanto dedicarsi un po' di più a loro.
Ma ricordiamoci che come negli umani, non dobbiamo cercare di sopperire ad un disagio psichico con il cibo, magari scegliamo scatolette più appetitose ma non aumentiamo le dosi. Meglio essere più presenti e più vicini a loro, e, insieme superare la nostalgia delle vacanze ormai lontane.
Se volete raccontarci le vostre vacanze con i vostri animali prontofido@prontofido.net

21.9.2015

Cani e gatti mangiano troppo

E' stato lanciato un SOS: In Italia cani e gatti mangiano troppo e si muovono poco. E' proprio così? lo chiediamo al dottor Emanuele Minetti, medico veterinario a Milano e collaboratore di Prontofido. Allora dottor Minetti è proprio così?
"Leggendo le statistiche pare proprio che circa il 30% dei nostri cani e gatti di casa soffrano di sovrappeso, e pure spesso di vera e propria obesità.
Quindi anche i tipici problemi di salute legati all'obesità colpiscono gli animali domestici come colpiscono l'uomo, pur se in maniera ovviamente differente.
Sono dati che emergono da un sondaggio condotto da YouGov per Hill's Pet Nutrition su un campione di 4.300 proprietari di animali europei, tra cui 1.300 italiani, da cui si evincono a grandi linee anche le cause del sovrappeso. Nel 26% dei casi, infatti, gli italiani danno ogni giorno avanzi
del loro pasto ai cani e, nel 28% dei casi, li viziano con leccornie varie.Il 29% dei proprietari italiani di cani e gatti dichiara che i suoi animali sono in sovrappeso rispetto alla razza e all'età, ma la percentuale potrebbe essere molto sottostimata, perché messi di fronte ad immagini di gatti e cani di diverse dimensioni - ed alla domanda su quale rappresenti meglio il
peso del loro amico a quattro zampe - le risposte rivelano che il 95% dei gatti e il 63% dei cani nostrani corrono in realtà rischi lievi o gravi a causa delle troppe calorie.
Includendo anche i gatti, gli avanzi dei pasti finiscono abitualmente nelle ciotole del 23% dei cani e gatti italiani.
La percentuale è nettamente più alta rispetto al resto dell'Europa, dove si registrano il 13% del Regno Unito, l'8% dei Paesi Bassi e il 17% della Francia.
Anche in queste nazioni, tuttavia, sono circa un quarto i proprietari che giudicano troppo “robusti” i loro animali: quindi il problema è comune nei paesi più avanzati, America compresa, ed è ormai chiaro che ciò deriva sia da un eccesso di calorie somministrate giornalmente sia da una mancanza di movimento, quindi da abitudini sbagliate che ricalcano quelle di noi umani.
Quindi attenzione. Il soprappeso e l'obesità sono oltre un ben preciso limite una vera e propria malattia da curare bene e presto.
Emanuele Minetti – Medico Veterinario

18.9.2015

No Micio e Fido sotto le coperte

Da uno studio americano emerge che dormire con l'amico a quattro zampe aumenterebbe la probabilità di contrarre infezioni trasmissibili per via diretta dall'animale all'uomo. La lista è lunga: si va dagli stafilococchi alla peste, dalla malattia di Chagas alla rabbia.
Il monito a evitare contatti troppo ravvicinati non è casuale: negli Usa, il 56% dei proprietari dorme con il cane accanto, il 50% lo accoglie tra le lenzuola. I veterinari Usa, consapevoli che il cambiamento sociale è irreversibile, raccomandano cautela per bambini e immunodepressi: niente animali a letto, baci o affettuose leccate.
L'argomento è rimbalzato in Italia e Luigi Bonizzi, docente presso la facoltà di medicina veterinaria all'Università degli Studi di Milano, ridimensiona l'allarme: «Il contatto, come tra umani del resto, raddoppia la possibilità di contagio. L'importante – afferma il medico, esperto in malattie infettive degli animali domestici – è aver cura di cani e gatti, facendoli visitare almeno due volte l'anno e seguendo la profilassi».Rischio limitato, insomma, a fronte di altri benefici: «La convivenza con l'animale ormai è abbastanza diffusa. Dal punto di vista psicologico, averlo accanto può infondere tranquillità e conciliare il sonno».
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.