**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

18.2.2015

La strage dei delfini

Oggi qui al magazine degli animali parliamo della malattia misteriosa che sta uccidendo i delfini e sono già 45 gli animali morti dall'inizio di gennaio. Le prime indicazioni - riferisce il ministero dell'ambiente- fanno pensare che i delfini siano vittime di infezioni batteriche.
L'ultima vittima, una cucciola di delfina di circa un anno, aveva appena finito lo svezzamento e quando è stata recuperata era digiuna da giorni quindi molto debilitata, era anche infestata da parassiti, ferite e diverse malattie che le impedivano di nutrirsi. I veterinari del ministero dell'Ambiente ritengono che in queste condizioni la delfina non sarebbe comunque sopravvissuta.
Ma per quanto riguarda la moria di questo periodo, la causa più probabile potrebbe essere, come dicevamo, di natura infettiva, Per questo motivo nelle prossime settimane i ricercatori approfondiranno l'eventuale presenza di virus e l'eventuale fioritura di alghe anomale. Sono attesi anche dati certi che confrontino le conoscenze sulle correnti marine con i dati meteo-marini degli ultimi mesi e la situazione su eventuali spiaggiamenti avvenuti in Francia e in Spagna, così da ricostruire un quadro complessivo della situazione.

17.2.2015

Caccia: massacro di uccelli canori

Tre cacciatori italiani e un romeno sono sotto processo in un tribunale di Costanza sul Mar Nero, per aver organizzato la caccia di migliaia di uccelli canori. Ogni anno, infatti, cacciatori italiani e non solo, compiono all'estero dei veri e propri massacri di uccelli: l'allarme arriva dal Wwf e riguarda in particolare Serbia, Romania e Croazia. Gli imputati rischiano da tre a 5 anni. «Ogni anno tra settembre e ottobre - precisa il Wwf - 10mila cacciatori italiani `volano´ in Romania per fare strage di allodole, approfittando di questi piccoli uccelli, che stanchi del lungo viaggio migratorio, scendono sui campi di grano per alimentarsi».
«Un fenomeno che ha dimensioni gigantesche, i comportamenti criminali sono sostanzialmente impuniti per una legislazione carente e per la corruzione» spiega Filippo Bamberghi, coordinatore delle guardie volontarie Wwf Milano. «Purtroppo, come per il turismo sessuale, l'Italia è ai primi posti nel mondo per il turismo delle doppiette», sottolinea Fulco Pratesi, Presidente onorario Wwf Italia.

16.2.2015

Non vuole mangiare la sua pappa

Il mio cane meticcio di quasi 12 anni da circa 1 mese si rifiuta di mangiare e nonostante lascio il suo cibo nella ciotola è capitato che resta anche per 1 giorno intero senza mangiare. se invece gli propongo il nostro cibo ecco che lo mangia con soddisfazione. Cosa posso fare? perchè secondo lei questo improvviso e strano comportamento? Firmato Kelly
Chi meglio di Emanuele Minetti medico veterinario a Milano può rispondere a Kelly?
"Buongiorno, in effetti il problema che lei descrive può essere sia un alterato comportamento sia un problema di appetibilità, oppure francamente legato ad una patologia in corso.
Per esempio di solito si sottovalutano moltissimo i problemi del cavo orale, quindi della bocca e dei denti in particolare. Poco ci si cura purtroppo del dolore derivante dalle malattie parodontali, e/o dentali, che invece può essere messa in relazione ad una forma di anoressia relativa.
Infatti nel cane e nel gatto anziano viene come dato per scontato che abbiano i denti coperti da tartaro, che abbiano denti che cadono, oppure infezioni alle gengive, come se tutto ciò fosse irrimediabile oppure da accettare passivamente come segno del tempo che passa.
Invece tutte queste sono vere malattie che determinano spesso sequele ed una importante diminuzione della qualità della vita: pensate a come stiamo noi quando abbiamo male ad un dente ed immaginatevi il vostro animale che magari ha male a 20 denti tutti insieme!
Detto ciò io le consiglierei una accurata visita generale per capire se qualcosa in effetti non va, l'età è abbastanza avanzata, e molte sono le piccole e grandi magagne che vanno affrontate con decisione."
Dr Emanuele Minetti Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

13.2.2015

Fiori di bach o medicina tradizionale?

Torniamo a parlare di Fiori di bach per rispondere alla mail di Tatiana che scrive “Buongiorno, vorrei sapere come si fa a capire se è il caso di rivolgermi ad un medico veterinario specializzato in fiori di bach o scegliere il medico veterinario tradizionale?” Risponde la Dottoressa Gabriella Pieroni, Medico veterinario, omeopata ed esperta in floriterapia di Bach e australiana.
"In Medicina Veterinaria, analogamente a quella Umana, abbiamo oggi a disposizione medicine alternative o meglio Medicine Non Convenzionali(MNC) tra cui l'Omeopatia,l'Agopuntura,la Floriterapia ed altre ancora.
Per quanto riguarda i Fiori di Bach, la Floriterapia appunto,questi sono utilissimi per risolvere problemi emozionali-comportamentali dei nostri animali.Quando,diversamente, l' animale presenta dei sintomi che fanno pensare ad una malattia fisica,allora la scelta deve essere il veterinario,tradizionale o omeopatico che si voglia.
Bisogna sempre ricordare che l' ideale e' la visione del paziente in toto,e non solo della sua malattia.Ho sempre creduto,come l' Omeopatia ci insegna,che bisogna"curare il paziente e non la malattia" pertanto l' ideale e' una Medicina Integrata Veterinaria .Per questo aspetto i Fiori di Bach sono perfetti perche'possono essere aggiunti,senza effetti collaterali,a qualsiasi terapia farmacologica o intervento chirurgico.L' utilizzo dei Fiori in queste situazioni aiutera' a sostenere emotivamente l' animale durante la malattia e prima e dopo un intervento permettendogli di guarire totalmente e piu' rapidamente."
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.