**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

19.3.2014

Il destino crudele dei levrieri

Oggi torniamo a parlare dei levrieri: sapevate che centomila esemplari vengono uccisi ogni anno dopo essere stati sfruttati per le corse, maltrattati ed infine soppressi soprattutto in Spagna, Irlanda e Inghilterra? E' una strage silenziosa, che si consuma giorno dopo giorno e contro cui in Italia, solo negli ultimi 15 anni, sono nate decine di associazioni. Sottolineo che nel nostro Paese le corse dei levrieri sono vietate dal 2000. Ma nel resto d'Europa non solo le corse sono legali (con un giro d'affari fra scommesse e indotto da miliardi di euro ogni anno), ma i levrieri non sono considerati animali d'affezione, ma bestiame e beni agricoli da sfruttare quindi fino alla fine con caccia e corse, per poi disfarsene quando non sono più utili in modi orribili e crudeli: fra i metodi più usati, l'impiccagione, la rottura delle zampe anteriori, la morte per stenti, l'abbandono o, per i più fortunati, la fucilata o la bastonata in testa.
I volontari delle associazioni italiane, come Pet Levrieri spesso partono alla volta della Spagna o del Regno Unito, recuperano gli animali salvati da strutture del posto e li portano in Italia dove cercano per loro una famiglia.
L'adozione comunque non è la soluzione. “Occorre porre fine alle corse per fini di lucro e alla caccia coi levrieri, nonché ottenere leggi di tutela e di riconoscimento dei levrieri come animali d'affezione . Soltanto così si potrà porre fine al massacro che si perpetra ogni anno sotto i nostri occhi”.

19.3.2014

Il serpente di quartiere

Non sempre i serpenti sono malvisti dagli abitanti delle citta: in Australia, per esempio, molti sono ben felici di ospitare nel loro giardino un Pitone Diamante, innocuo rettile che può raggiungere i due metri di lunghezza e che si nutre di piccoli mammiferi, altri rettili e uccelli, mantenendo lontani i parassiti delle case.
A volte però, uno di loro si mette nei guai: è capitato a Sidney, dove un bell'esemplare si è letteralmente "annodato" su un cavo dell'alta tensione. Per liberarlo i pompieri hanno dovuto tranciare uno dei tralicci ma nessuno degli abitanti del quartiere ha protestato, ben felici di vedere l'animale sano e salvo.

18.3.2014

Cane e gatto felici insieme

Il Professor Joseph Terkel dell'Università di Tel Aviv ha pubblicato i risultati di una ricerca su un campione di duecento persone che convivono con un cane e un gatto. Sembra incredibile ma questi sono i risultati: solo nel dieci per cento erano presenti situazioni apertamente conflittuali. In un quarto del campione cane e gatto si ignoravano, ma in tutti gli altri casi avevano stabilito una relazione amichevole. Il 65 per cento delle volte insomma, cane e gatto conviventi, si salutavano affettuosamente incontrandosi, mangiavano, giocavano e dormivano insieme.
Terkel sottolinea che cani e gatti, hanno molti segni di amicizia o ostilità opposti, tipo: il cane agita la coda in segno di amicizia, il gatto quando è nervoso. Il gatto evita di guardare quando minaccia, per il cane quello è un segno di sottomissione, eppure nelle convivenze quando un cane agita la coda il gatto va strusciarsi affettuosamente come se avesse imparato la lingua del cane.
Ma la coabitazione ha più change di successo se il gatto arriva in casa prima del cane. E questo anche perché la coabitazione con il genitore “umano” ha reso più infantili entrambi.

17.3.2014

Artrosi!

Sono il proprietario di un beagle di 12 anni che soffre di artrosi: il cane spesso si lamenta e guaisce per il dolore soprattutto dopo una passeggiata o dopo che ha fatto qualche sforzo. Vorrei sapere se esiste una cura efficace dal momento che le cure di antinfiammatori e antidolorifici gli hanno causato ulcera gastrica con conseguente forte emorragia. Risponde il dottor Emanuele Minetti:
"domanda complessa perché purtroppo tutti i farmaci e tutte le sostanze hanno indicazioni ma anche controindicazioni, cioè in ogni terapia che viene prescritta dal veterinario ci possono essere comunque dei fatti avversi. Esistono comunque delle terapie in un caso come questo, che possono essere usate per lunghi periodi che sono una sorta di ubi opice, sostanze farmacologiche che possono essere somministrate per lenire i disturbi dell'artrosi.
Sicuramente queste non possono mai sostituire le terapie antidolorifiche, cioè la cura del dolore che è un problema completamente differente come una cura a lungo termine con anti infiammatori.
In ogni caso contattando il proprio veterinario curante sicuramente si può mettere a punto una cura di lunga durata utilizzando farmaci meno aggressivi per l'apparato gastroenterico e per l'organismo in generale, poi supplire nei momenti di crisi dolorosa con farmaci dati non per lunghi periodi ma puramente anti infiammatori e anti dolorifici per tamponare situazioni acute.
Certamente noi abbiamo un problema e il problema si chiama invecchiamento, nessuno di noi è comunque purtroppo immune a questo problema.
Molta pazienza e molta collaborazione col veterinario curante in questi casi.


Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.