**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

17.1.2014

Mangia di tutto

Oggi rispondiamo a Porsia che ci scrive perché ha un problema con il suo cane di un anno: da qualche mese ha cominciato a mangiare tutto ciò che trova in giardino.. Porsia teme di dover dare via il cane perché la sta facendo letteralmente impazzire. Cosa consiglia Daniela Lisi la nostra educatrice cinofila?
“Cara Porsia, adottare un cane è un grande atto di responsabilità, una volta fatto, a meno che i problemi non siano di entità gravissima… pensare di riportare il cane in canile, dopo un anno trascorso con voi, non credo sia la decisione più corretta da prendere.
La cosa giusta da fare invece, sarebbe quella di contattare un educatore cinofilo che vi potrà aiutare a gestire al meglio la situazione. E' molto probabile che ci sia qualcosa di sbagliato nella gestione del cane e della sua quotidianità. Qualcosa che di sicuro si può risolvere.
Scrivi nella tua mail che il cane è stato adottato all'età di 3 mesi e che all'incirca all'età di 10 ha iniziato a mangiare tutto ciò che trovava in giardino e scrivi anche che voi lavorate tutto il giorno. Ecco… avevo già parlato tempo fa di quanto avere un giardino per il nostro amico a 4 zampe sia un aspetto positivo quanto negativo. Spesso si pensa che se il cane vive in giardino tutto il giorno sia il cane più felice del mondo, cosa vuole di più? All'aria aperta a sgambettare qua e la finché gli pare…
E invece non è proprio così… anche se abbiamo un giardino il cane ha bisogno di uscire, annusare nuovi odori, incontrare altri cani, incontrare altre persone, insomma, fare una vita da cani. Anche se il piccolo sta in casa con voi quando ci siete, aspetto che condivido a pieno, probabilmente non è sufficiente.
Il vostro cane ha bisogno di esplorare, annusare, vedere. E' un cane giovane, con tanta energia, e questa energia da qualche parte dovrà pur finire..
Il consiglio che ti do Porsia è di portare fuori il cane a passeggio tutte le mattine prima di andare al lavoro oppure la sera appena torni a casa, almeno una passeggiata esterna al giardino al giorno. Se questo non è possibile allora prendi un dog sitter che a metà giornata vada a fargli fare un giro.”

16.1.2014

No alla vivisezione

La vivisezione può costituire uno strumento valido per la ricerca sulla salute umana? Se gli uomini fossero roditori da settanta chili probabilmente si. Ma così non è. E' questa la posizione di tanti fisici, biologi, medici e ricercatori italiani ed europei sulla sperimentazione animale: un metodo inutile, inaffidabile e soprattutto dannoso per cavie e persone, al di là della questione etica. A vacillare per gli esperti sarebbe infatti la possibilità di rinvenire un qualsiasi fondamento scientifico derivante dal gap incolmabile tra i due generi. Che determinerebbe, come già accaduto, non solo inutili sacrifici ma anche rischi per la salute degli esseri umani.
«Vogliamo chiarire all'Italia che non è più necessario che muoiano animali per salvare le persone - ha commentato Michela Vittoria Brambilla, fondatrice della Federazione ‘Nel Cuore' -. C'e' una ragione scientifica per dire no alla sperimentazione animale: il modello animale è diverso dall'uomo e da' risposte fuorvianti per la nostra salute. La sperimentazione sugli animali e' solo un grande business e non possiamo permettere agli interessi privati economici e alle lobby che li tutelano di prevalere sul diritto dei cittadini di godere di una ricerca affidabile per la nostra salute.
E per oggi è tutto

15.1.2014

Bisonte gay

Avete presente il bisonte, Il mitico animale del Far West dall'aspetto forte e virile? Ebbene sappiate che secondo Life-science se non trovano un esemplare del sesso opposto anche fra i bisonti vige la regola del “chi c'è c'è”.
Però i re della prateria non sono gli unici a mostrare questi comportamenti sessuali, all'elenco si aggiungono i trichechi, le scimmie come i bonobo o gli simpanzè, oltre a uccelli, insetti vari, cetacei, elefanti giraffe, iene, leoni, pecore e bovini.
Sempre secondo Life-science esiste una dettagliata casistica di animali involontari testimonial dei diritti omosex. Ad esempio i maschi adulti dei trichechi sono bisex. E, se durante la stagione degli amori si accoppiano con le femmine per procreare, il resto dell'anno si trastullano con esemplari più giovani e dello stesso sesso.
Proprio come avveniva nella civiltà greca e romana.

14.1.2014

Parliamo di divorzio

Oggi qui al magazine degli animali parliamo di divorzi. Voi sapevate che quando la coppia divorzia spesso l'affidamento del cane è più traumatico di quello dei figli? È quanto emerge da un sondaggio dell'associazione britannica Dogs Trust, secondo cui c'è chi arriva perfino in tribunale per rivendicare la proprietà sul suo “amico a quattro zampe”. Per un quarto degli intervistati sarebbe proprio il loro animale domestico il vero dilemma in caso di separazione.
Pensate che c'è chi è disposto anche a spendere soldi in costosi accordi prematrimoniali dove, a scanso di equivoci, si decide chi sarà il padrone se l'amore dovesse finire. Come si legge sul Daily Telegraph, non mancano gli esempi fra i vip come il leader degli Oasis e la ex moglie che sono andati di fronte a un giudice per decidere l'affidamento del loro quattro zampe.
Fidanzati all'ascolto siete avvisati.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.