**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

17.6.2017

Il papà di Babe

Conoscete John Cox, scultore ed esperto di effetti speciali? È stato Premio Oscar del 1996 per Babe, maialino coraggioso. ma non è tutto per anni è stato sempre Cox a dar voce e vita a centinaia di animali creati per il cinema. La sua carriera iniziò nel 1989 con Ore 10: calma piatta con Nicole Kidman, per cui Cox realizzò uno squalo: da allora si è fatto conoscere per la capacità di costruire animali robot talmente realistici da sembrare veri.
Vent'anni fa Babe, maialino coraggioso, fu una pietra miliare per gli effetti speciali nei film con animali che parlavano e si muovevano con realismo eccezionale. Prima c'era stato Jurassic Park, poi tanti altri capolavori. Ma Nel 2008 il costo di realizzazione per l'animazione digitale crollò vertiginosamente e da allora è cambiata anche la regia:
Ma Anche l'utilizzo degli animali sul set è cambiato, afferma Cox: «Per Babe avevamo 46 piccoli maialini protagonisti, con un vero programma di allevamento. Per ogni scena, ce n'erano tre addestrati a svolgeree un semplice compito. E se uno si metteva a urlare, allora subito si cambiava terzetto.
Una cosa è certa: Babe ti abbiamo amato alla follia.
Ed è tutto

11.6.2017

SMS-Salvami Subito

Oggi il Magazine degli animali vi presenta la campagna solidale “SMS-SalvaMi Subito” lanciata dall'on Michela Vittoria Brambilla contro il tragico fenomeno dell'abbandono e del randagismo: fino al 26 giugno si potranno donare 2 euro con ciascun sms inviato da cellulare al numero 45523 oppure 2 o 5 euro chiamando da rete fissa. Il ricavato della campagna sarà destinato alla battaglia contro l'abbandono e il randagismo, al soccorso, alla cura, al ricovero e alla sterilizzazione degli animali vaganti e in difficoltà, anche attraverso il sostegno diretto alle realtà animaliste che operano sul campo. lo spot televisivo della campagna è scaricabile al link che trovate su www.prontofido.net https://www.dropbox.com/s/xddj9w4mnj272ye/Leidaa-SMS-Solidale-maggio2017.mov.zip?dl=0 “Nessuno sa esattamente – commenta l'on. Brambilla – quanti siano gli animali vittime dell'abbandono e della riproduzione incontrollata. Di certo sono tantissimi, centinaia di migliaia, soprattutto cani e gatti, e vivono una vita miserabile, fatta di fame, di sofferenze, di pericoli continui. Noi della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente, lavoriamo sul campo per assistere gli animali, promuovere le adozioni, educare alla responsabilità i proprietari, sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni, contrastare i traffici illegali. Tutto questo richiede risorse, perciò facciamo appello alla vostra generosità”.
Lo spot televisivo sarà trasmesso sulle reti nazionali Mediaset, Sky e La7 e accessibile sul canale YouTube dell'associazione
Ripeto fino al 26 giugno si potranno donare 2 euro con ciascun sms inviato da cellulare al numero 45523 oppure 2 o 5 euro chiamando da rete fissa.

10.6.2017

I cavalli si riconoscono allo specchio

Sapevate che anche i cavalli sanno riconoscersi allo specchio come gli esseri umani? Lo rivela uno studio pilota del dipartimento di scienze veterinarie dell'Università di Pisa.
Riconoscersi allo specchio è una prerogativa dell'uomo e di poche altre specie, come scimmie antropomorfe, elefanti asiatici, delfini e gazze, una capacità che presuppone una coscienza di sé e specifiche competenze cognitive e percettive. Il comune denominatore di queste specie è un cervello complesso, che spesso corrisponde a un sistema sociale altrettanto complesso. Gli studiosi sono partiti da queste premesse per lanciare una nuova sfida scientifica e capire se anche i cavalli sono capaci di riconoscersi allo specchio. I risultati dello studio sono stati pubblicati in un articolo uscito sulla rivista PlosOne e saranno presentati al pubblico in un incontro divulgativo.
«Abbiamo selezionato il cavallo non solo in quanto animale sociale capace di riconoscere individualmente gli esseri umani, e i propri simili con modalità multisensoriali, afferma lo scinziato ma soprattutto per il ruolo che questa specie ha svolto e svolge in condivisione con l'uomo, in ambito produttivo, ludico-sportivo e terapeutico grazie alla pet therapy».
Viva il cavallo

9.6.2017

Plastica nelle tartarughe

Oggi qui al Magazine degli animali torniamo a parlare di plastica nei mari, sì perché nientepopodimeno che la metà delle povere tartarughe del Mediterraneo hanno plastica in corpo. Lo ha scoperto una ricerca internazionale a cui ha collaborato l'Ispra, il centro studi del Ministero dell'Ambiente. I risultati sono stati diffusi alla vigilia della Giornata Mondiale dell'Ambiente.
Il progetto europeo utilizza le tartarughe marine Caretta caretta come indicatori dell'impatto della plastica sugli animali del Mediterraneo. Le Carette caretta sono largamente diffuse in vari habitat e hanno la caratteristica di ingerire i rifiuti marini. Dopo un primo anno di analisi eseguite su 611 tartarughe, è emerso che il 53% degli esemplari presentava plastica ingerita.
I primi risultati del progetto mostrano che gli oggetti di plastica si spostano da un mare all'altro anche su grandi distanze per via delle correnti marine. Nello stomaco di tartarughe spiaggiate in Italia è stato rinvenuto l'involucro di uno snack francese, insieme a cannucce, tappi, lenze e ami.
Ricordiamolo quando siamo in spiaggia.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671672673674

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.