**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

1.6.2012

L'inserimento

Oggi rispondiamo a Stefano che ci scrive perché tra qualche settimana andrà a vivere a casa della sua fidanzata e avendo entrambi un cane ci chiede come fare in modo che i due non abbiano degli scontri. Parliamo di due meticci maschi di 4 e 5 anni che fino ad ora non hanno mai trascorso del tempo assieme. Risponde l'educatrice cinofila Daniela Lisi.
"Caro Stefano, innanzitutto sia tu che la tua ragazza dovete avere una buona conoscenza dei vostri cani. Ovvero: sono socializzati con i loro simili? Come si comportano al parco con gli altri cani, tendono a sottometterli? Mostrano atteggiamenti possessivi con le loro cose o nei vostri confronti?
Una volta appurato che i cani non dimostrano anomalie comportamentali come quelle sopra elencate, si può procedere a farli incontrare.
La cosa ideale è che trascorrano del tempo insieme più volte prima dell'inserimento in casa. Il primo incontro potrebbe avvenire al parco, in modo che i due possano conoscersi in un luogo neutrale e senza guinzaglio. I successivi incontri potranno essere anche solo delle passeggiate in città. L'importante è che la prima volta liberi al parco i due non abbiano mostrato problemi di socializzazione.
Se si tratta di due cani normalmente socializzati con l'ambiente e con i loro simili, la convivenza non dovrebbe avere problemi. Nonostante tutto ci sono degli accorgimenti da seguire per il primo ingresso in casa.
Innanzitutto i due cani dovranno incontrarsi fuori dalla casa, una corsa al parco insieme sarebbe l'ideale.
Dopo circa una mezz'ora entrate nell'abitazione con entrambi i cani, prestando attenzione a non aver lasciato in giro ciotole o giochi.
Quando entrate state molto attenti al cane che subisce l'ingresso del nuovo arrivato, se non gira forsennatamente per le stanze e non cerca di ostruire il passaggio all'altro siete a cavallo! La convivenza non dovrebbe avere problemi.
In caso contrario, dategli il tempo di condividere gli spazi cercando di tenere i due sotto controllo. Nel tempo successivo fate attenzione al momento della pappa e ai momenti di gioco con oggetti.
In ultimo, se uno dei due cani o entrambi, fa qualche pipì qua e là, cercate di non sgridarli. Pulite senza farvi vedere con acqua e bicarbonato."

31.5.2012

Quando fare la puntura contro la Filariosi?

Oggi rispondiamo a Mara che ci chiede quando fare la puntura contro la Filariosi??? Lei ha preso da poco un cane al canile, l'ha portato al controllo dal veterinario che gli ha fatto il Test preventivo, ma la puntura vorrebbe farla a luglio e lei si domanda perchè ...
Inoltre chiede se deve comunque comprare il collare anti pulci e zecche ?
A tutte queste domande risponde il dottor Emanuele Minetti medico veterinario a Milano
"Cara Mara, lei ha messo molta carne al fuoco. Questo è in effetti il periodo in cui si deve fare la prevenzione dei parassiti del cane e del gatto, sia esterni sia interni.
La Filariosi si può prevenire usando prodotti o per via orale (compresse, tavolette), o per via iniettabile sottocutanea, oppure spot-on sulla cute fra collo e schiena.
L'importante è sapere con sicurezza che l'animale è negativo ai test ed anche per quanto tempo mediamente esso verrà esposto alla puntura delle zanzare potenzialmente pericolose: infatti iniziare molto presto non serve ed è pericoloso finire troppo presto la profilassi perché è buona norma andare avanti sino a novembre. Il collega sa che se l'iniezione viene eseguita anche a giugno-luglio il cane è protetto da fine aprile-maggio sino a novembre-dicembre.
E' difficile spiegare che anche se è una iniezione non è una vaccinazione per la filaria ma un farmaco a lento rilascio.
Per quanto riguarda invece la protezione verso i parassiti esterni (pulci, zecche, pidocchi e repellenza verso pappataci e zanzare) lei deve rivedere le sue idee in merito con il medico veterinario curante perché andate in Liguria dove è presente la Leishmaniosi ed il fipronil non protegge per nulla.
I collari sono di diverso tipo: se vuole aggiungere al fipronil il collare repellente può farlo ma non deve usarne di altro tipo.
Cari saluti"



30.5.2012

Intelligente come un bimbo di 2-3 anni

Le capacità mentali dei cani equivalgono a quelle di un bambino di 2-3 anni. Lo dimostra scientificamente uno studio condotto da un esperto di comportamento canino e autore di molti libri sul tema Stanley Coren, della University of British Columbia di Vancouver, in Canada. I più intelligenti, sono secondo la ricerca i Border Collie sono i cani pastori dotati di grande capacità di apprendimento e intelligenza. Al secondo posto c'è sorprendentemente il barboncino e solo al terzo il pastore tedesco. Quarta posizione per il Golden Retriever, cane da riporto proveniente dalla Gran Bretagna, quinta per il Dobermann. Al sesto posto c'è il cane pastore delle Shetland, Infine al settimo il Labrador, Verrebbe da dire che è stato dimenticato l'intelligentissimo "bastardino", ma probabilmente solo perché sarebbe difficile raggruppare tutti i meticci del mondo sotto un'unica categoria.
Pensate che I cani conoscono circa 165 parole (i più intelligenti arrivano a 250 sanno contare fino a 4-5 e conoscono le regole base dell'aritmetica. I nostri migliori amici godono poi di una formidabile intelligenza spaziale, sanno localizzare oggetti di interesse, evitare luoghi pericolosi, trovare la via più breve verso la cuccia, aprire un chiavistello. Infine possono imbrogliare deliberatamente altri cani e persino i padroni per ottenere qualcosa. «Hanno successo quasi quanto noi nell'arte dell'imbroglio» conclude lo studioso.
«Tutti siamo curiosi di sapere cosa pensa il nostro amico peloso - spiega Coren - e capire perché a volte hanno dei comportamenti stupidi e irrazionali. Non saranno Einstein, ma sono di sicuro molto più del previsto simili a noi».

29.5.2012

Le balene cacciano come i pipistrelli

Mammiferi entrambi, ma con storie evolutive molto diverse. Eppure pipistrelli e balene sono simili quando si tratta di individuare, monitorare e catturare le prede attraverso l'eco-localizzatore: l'equivalente biologico del sonar.
Pensate che un team di ricercatori danesi ha dimostrato che il comportamento acustico di questi due gruppi di animali durante la caccia è stranamente simile. E i risultati della ricerca sono stati presentati al Congresso internazionale di acustica a Hong Kong.
Da tempo era noto che i pipistrelli e i cetacei si basano sulla stessa gamma di frequenze ultrasoniche, e questa sovrapposizione nelle frequenze è sorprendente, perché il suono viaggia circa cinque volte più velocemente in acqua che in aria, dando alle balene più tempo, rispetto ai pipistrelli, per decidere sull'opportunità di intercettare un pasto potenziale. Ma la nuova ricerca mostra invece che anche le balene aumentano la loro frequenza di emissione di ultrasuoni quando cacciano, in modo quasi identico a quello dei pipistrelli, con circa 500 impulsi al secondo».
Il nuovo dispositivo che ha permesso di rilevare il modo di agire durante la caccia delle balene in natura e che viene attaccato alla pelle dei cetacei, va sotto la sigla di Dtag. Un dispositivo che renderà possibile per gli scienziati monitorare il comportamento alimentare delle balene più in dettaglio, e valutare gli impatti che le modifiche ambientali hanno su questi grandi mammiferi acquatici.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.