**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

14.10.2017

Gucci: stop pellicce

Oggi vi comunico una novità: Gucci ha chiuso con il mondo delle pellicce e le nuove collezioni 2018 ne faranno a meno. Il presidente della maison, Marco Bizzarri, ha parlato di un capo ormai «fuori moda» e ha rivendicato «l'impegno assoluto» di Gucci di fare «dello sviluppo sostenibile un elemento cruciale». Non solo. Ha anche promesso che il ricavato dalle vendite di pellicce di quest'anno sarà devoluto ad associazioni per la difesa degli animali.
«Essere socialmente responsabili è uno dei valori fondamentali di Gucci e continueremo a cercare di fare di più per l'ambiente e gli animali - ha aggiunto Bizzarri Gucci è entusiasta di compiere questo ulteriore passo e spera che possa contribuire a ispirare l'innovazione e diffondere consapevolezza, cambiando l'industria della moda del lusso in meglio».
Attraverso questa nuova politica, Gucci si unisce a molti dei principali marchi mondiali di moda e rivenditori - tra cui Armani, Hugo Boss, Stella McCartney, Yoox Net-a-Porter ed altri, elencati sul portale www.furfreeretailer.com.
«La decisione di Gucci cambierà radicalmente il futuro della moda - commenta Simone Pavesi, responsabile LAV - Area Moda Animal Free -. Il rispetto degli animali è sempre più radicato nei valori delle persone e i grandi nomi della moda stanno gradualmente attuando politiche di responsabilità sociale in questa direzione. Mentre la moda diventa sempre più etica, le catene di approvvigionamento che ruotano intorno agli animali saranno una cosa del passato».

8.10.2017

Green Hill condannata

Vi ricordate di Green Hill l'allevamento di Beagle di Montichiari chiuso dalla procura nel 2012? Come sappiamo al suo interno gli animali destinati alla sperimentazione venivano maltrattati e uccisi se non rispondevano ai requisiti richiesti. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato le condanne ai vertici dell'allevamento di cani Beagle che sorgeva a Montichiari, nel Bresciano Anche la Suprema Corte ha condannato ad un anno e sei mesi il veterinario della struttura all'epoca dei fatti, il cogestore di Green Hill e ad un anno l'allora direttore dell'allevamento. Erano accusati di maltrattamento e di uccisione di animali.
Il processo Green Hill non ha solo accertato condotte penalmente rilevanti, ma è stata l'affermazione di principi di civiltà», è il commento del sostituto procuratore Ambrogio Cassiani che nel 2012 aveva disposto il sequestro della struttura e poi portato a processo i vertici dell'allevamento oggi condannati definitivamente.
Ma non è tutto: il 22 novembre prossimo la vicenda approderà nuovamente in un' aula di tribunale per il secondo filone dell'inchiesta. A Brescia è attesa infatti la sentenza nei confronti di due veterinari e tre ex dipendenti dell'allevamento di Beagle imputati a processo. Chiesta una condanna a due anni per i due veterinari, accusati a vario titolo di concorso in maltrattamento e uccisione di animali, falsa testimonianza, omessa denuncia e falso ideologico. Chiesta dal pm invece la condanna a 10 mesi per i tre dipendenti accusati di falsa testimonianza.
Noi come sempre vi terremo informati

7.10.2017

Salvata da un biglietto sul parabrezza

Un biglietto può salvare una vita. Sapete perché? Tutto inizia quando Dustin Shepherd nota un foglietto sotto il tergicristalli della sua automobile.
«Qualcuno ha sentito il miagolio di un gattino provenire dalla mia auto e ha lasciato una nota sul mio parabrezza per avvertirmi. Ho iniziato a controllare la macchina e quando ho aperto il cofano, ho visto una piccola palla di pelo bloccata tra alcuni fili» racconta Dastin.
Con un po' di difficoltà e tanta pazienza è riuscito a estrarlo dall'auto e l'ha portato nel suo appartamento. La micia era visibilmente spaventata, agitata, e soprattutto sporca di grasso . Così le ha fatto un bel bagno per poi darle la pappa che ha divorato. Subito la gattina ha iniziato a esplorare la casa e poco dopo è stata adottata da una coppia di amici genitori di un dolce bambino. Non è stato facile separarsi dalla piccolina, ma non appena la gattina si è trasferita, lei e il bimbo hanno legato immediatamente.
Questa storia vera ci insegna ad avvisare sempre proprio con un messaggio sotto il tergicristallo quando si sente un miagolio provenire dal motore di un'auto parcheggiata. Lì sicuramente c'è un gattino che chiede aiuto ed è quello che è successo a me due anni fa, ho lasciato un biglietto e l'avventura andata a buon fine.
Volete vedere la gattina salvata da Dastin? www.prontofido.net

1.10.2017

Pericolo per i panda

Vi piacciono i panda? E allora sappiate che il loro spazio vitale comincia a scarseggiare. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Ecology and Evolution, l'habitat dell'animale simbolo della Cina negli ultimi decenni si è sempre più ridotto.
Ricercatori cinesi e statunitensi hanno mappato gli usi del suolo e lo sviluppo delle infrastrutture nelle zone di riferimento per l'habitat dei panda. Dall'analisi è emerso che questo territorio oggi si estende per un'area minore e più frammentata rispetto al passato. I risultati ottenuti, spiegano gli scienziati, sono utili, perché potrebbero migliorare proprio le valutazioni sul rischio di estinzione della specie. Un anno fa lo status del panda gigante fu classifica   to non più come «in pericolo» di estinzione, ma «vulnerabile», un gradino più in basso nella scala verso la scomparsa.
Tra le soluzioni più importanti, gli esperti suggeriscono la creazione di «corridoi» protetti attraverso i quali gli esemplari si possano spostare ed evitino di isolarsi in popolazioni sempre più piccole.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.