**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

11.10.2010

Il bradipo è lento: ma la lumaca lo batte

Lo sappiamo: nel mondo animale la velocità è fondamentale. Ma non per tutti: prendiamo il bradipo per esempio, lui prende la vita con calma, molta calma, è lento quando mangia, quando cammina e anche quando gioca. Lui è talmente pigro che può addirittura capitargli di addormentarsi mentre sta facendo i bisognini, La sua andatura massima è di 160 metri all'ora.
Ma non è il più lento: lo batte la lumaca.
E l'essere umano in questa hit parade come si posiziona? La sua velocità a piedi è tra quella del maiale e quella del pollo. Solo gli atleti riescono a fermare il cronometro a 9 secondi e 77 centesimi sui 100 metri piani.
L'uomo se non si muove in auto, in aereo o in bicicletta è molto più lento del gatto domestico, che in accelerazione può raggiungere i 48 km/h.
Ma l'animale in assoluto più veloce è il ghepardo con i suoi 110 km/h.

8.10.2010

Il "Pipolino"

Abbiamo spesso parlato dei famosi kong e dei giochi di attivazione mentale, utili a sviluppare l'ingegno del vostro cane e a tenerlo impegnato nei giorni di pioggia o quando non riusciamo a portarli a fare una lunga passeggiata. Ecco una novità: IL PIPOLINO. La parola a Daniela Lisi:
Il nome è alquanto strano.. pare che i francesi non abbiano avuto molta fantasia…
Il Pipolino esiste sia per cani che per gatti. Il meccanismo è molto simile a quelle famose palle con i buchi nella quale infiliamo dei bocconcini che il nostro cane dovrà tirare fuori facendola rotolare. Per il Pipolino ci sono due piccole differenze:
cambia la forma che non è cilindrica ma tubolare e in più ha la possibilità, se vogliamo di rendere la vita difficile al nostro amico a 4 zampe. Infatti dispone della scegliere quanti buchi lasciare aperti per far si che il cane riesca a tirar fuori i bocconcini che avrete infilato all'interno.
Io l'ho provato con i miei cani procedendo per gradi. Inizialmente ho lasciato tutti i buchi aperti, se non mi sbaglio sono otto, la volta successiva ho lasciato tre buchi aperti e così via…
Ricordatevi che le sessioni (di lavoro) devono avvenire una per volta. Quindi, il primo ed il secondo giorno lasciate tutti i buchi aperti e fate in modo che il vostro cane prenda confidenza con il gioco. Per le sessioni successive divertitevi a rendergli le cose difficili. Mi raccomando di procedere per gradi.
Per saperne un po' di più andate su www.pacopetshop.it dove potrete anche acquistarlo.
Dimenticavo.. non avendo un gatto non ho potuto provarlo su di loro ma se qualcuno di voi dovesse farlo potrà scriverci la sua esperienza su prontofido@prontofido.net

7.10.2010

Il mio cane è stato morso.... che fare?

Oggi qui al Magazine degli Animali diamo un'informazione sulle norme legali, così noi ne sapremo di più e i nostri amici saranno più accettati anche da chi non li possiede.
Abbiamo in collegamento la dottoressa Diana Levi Direttore Servizio Sanità Animale della ASL città di Milano.
"Oggi parliamo di cosa dobbiamo fare se noi o il nostro cane viene morsicato.
-SE IL CANE MORDE, O COMUNQUE PROCURA LESIONI A PERSONA O ANIMALE (ZUFFA), DEVE ESSERE TENUTO IN OSSERVAZIONE PER 10 GIORNI PRESSO IL CANILE SANITARIO. SU RICHIESTA DEL PROPRIETARIO IL VETERINARIO
UFFICIALE DELL'ASL, VALUTATA LA SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA, PUÒ CONCEDERE L'OSSERVAZIONE DOMICILIARE PURCHÉ IL PROPRIETARIO, DURANTE QUESTI 10 GIORNI, POSSA GARANTIRE UN'ACCURATA CUSTODIA DELL'ANIMALE
ED IL RISPETTO DELLE SEGUENTI CONDIZIONI: IL CANE NON DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTI IMMUNIZZANTI (VACCINAZIONI); NON DEVE ESSERE SPOSTATO DAL LUOGO STABILITO PER L'OSSERVAZIONE; INOLTRE É NECESSARIO SEGNALARE AL VETERINARIO UFFICIALE IL MANIFESTARSI DI QUALSIASI SINTOMO ANORMALE NEL COMPORTAMENTO O NELLO STATO DI SALUTE, NONCHÉ L'EVENTUALE FUGA O MORTE DELL'ANIMALE (IN QUEST'ULTIMO CASO IL CADAVERE DOVRÀ ESSERE RITIRATO DAI SERVIZI VETERINARI PER
GLI ACCERTAMENTI PREVISTI DALLA LEGGE). NEL CASO DI ZUFFA AMBEDUE GLI ANIMALI DEVONO ESSERE TENUTI IN OSSERVAZIONI PER 10 GG.
-SE IL CANE SUBISCE UN MORSO O UNA LESIONE DA ALTRO ANIMALE RIMASTO SCONOSCIUTO, FUGGITO E/O SOSPETTO DI ESSERE AFFETTO DA RABBIA, DEVE ESSERE TENUTO IN OSSERVAZIONE PER 6 MESI DA PARTE DEL
VETERINARIO UFFICIALE; TALE PERIODO PUÒ ESSERE RIDOTTO A 3 MESI SE IL CANE VIENE SOTTOPOSTO ENTRO 5 - 7 GIORNI AD UNA VACCINAZIONE ANTIRABBICA POST-CONTAGIO, O A 2 MESI SE IL SOGGETTO, TRATTATO
COMUNQUE CON LA VACCINAZIONE POST-CONTAGIO, ERA STATO SOTTOPOSTO A VACCINAZIONE ANTIRABBICA PRE-CONTAGIO DA NON PIÙ DI UN ANNO. SE NEL FRATTEMPO VIENE RINTRACCIATO L'ANIMALE MORSICATORE, ENTRAMBI GLI ANIMALI VENGONO TENUTI IN OSSERVAZIONE PER UN PERIODO DI 10 GIORNI.
PER LE INFRAZIONI SANZIONE DI EURO 430,39 (D.P.R. 8/2/54, N. 320, REGOLAMENTO DI POLIZIA VETERINARIA ART. 87; MIN EURO 258 MAX EURO 1291).
Per approfondimenti cliccare su "Tutto sul mio cane" nel sito di Prontofido

6.10.2010

2011: l'anno del pipistrello

L'Onu ha così dichiarato: il 2011 sarà l'Anno del pipistrello, uno dei mammiferi più perseguitati del Pianeta. In realtà, come abbiamo detto più volte qui al Magazine, i pipistrelli sono innocui, non si aggrappano ai capelli e non portano malattie: sono invece grandi divoratori di insetti e quindi ogni anno grazie a questi animali l'agricoltura risparmia milioni di dollari.
Nelle foreste tropicali invece, da loro dipende la dispersione dei semi e l'impollinazione della frutta. «Paragonati ad animali come le tigri o gli elefanti - afferma Andreas Streit, segretario esecutivo di Eurobat - i pipistrelli ricevono una attenzione quasi inesistente. Invece sono mammiferi affascinanti e giocano un ruolo indispensabile nella conservazione del nostro ambiente».
Ad Austin, in Texas, il volo di milioni questi animali rappresentano una delle più spettacolari attrazioni turistiche, nel periodo che va da metà marzo fino a novembre, portando così milioni di dollari di profitti.
Ma nonostante tutto l'Unione mondiale per la conservazione della natura ha classificato a rischio oltre la metà delle specie di pipistrelli. I pericoli per la loro sopravvivenza sono la perdita e la distruzione degli habitat, il disturbo da parte degli esseri umani nei siti di ibernazione, la crescente urbanizzazione e i pesticidi che li intossicano.
Di qui la necessità di protezione, per non perdere alcuni «servizi» fondamentali, poco conosciuti ma essenziali a livello ecologico.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.