**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

5.5.2009

Liti condominiali? c'e' il tribunale degli animali

I cani (e più in generale gli animali) sono causa di una lite condominiale ogni 20 minuti e di queste almeno un quarto finiscono nelle aule dei tribunali civili e penali italiani. Secondo i dati relativi alle segnalazioni raccolte nel corso del 2008 dall'Associazione italiana difesa animali, lo scorso anno sono state almeno 26.000 le liti condominiali in Italia (circa 70 al giorno) che hanno avuto come motivo scatenante la presenza dei cani e di altri animali in condominio, di queste almeno 4.500 si sono tramutate in cause civili e penali andando ad intasare il lavoro dei già super oberati tribunali italiani.I dati sono tratti dalle segnalazioni ricevute direttamente dagli sportelli ed al tribunale degli animali dell'AIDAA e confortati dai numeri delle cause civili e penali avviate per motivi legati alla presenza di animali in condominio e dal numero sempre crescente di querele reciproche tra condomini dovute alle liti per la presenza degli animali. In testa alla classifica delle regioni dove si litiga per gli animali in condominio vi sono la Lombardia ed il Lazio seguite dalla Puglia, Veneto, Toscana e Piemonte. In cima alle motivazioni che portano alle liti di condominio tra vicini c'è il presunto disturbo dell'abbaiare dei cani durante le ore del riposo e in quelle notturne, seguono poi questioni di tenuta igienica dei cani in appartamento ed infine questioni legate all'uso degli ascensori e degli spazi comuni dei palazzi (compresi i giardini condominiali) da parte dei cani e dei loro padroni. In controtendenza un dato che possiamo definire sorprendentemente basso quello che
riguarda gli escrementi lasciati dagli animali negli spazi e nei giardini condominiali. Purtroppo lo scorso anno in 65 casi queste liti sono degenerate provocando feriti mentre in quattro casi ci è scappato il morto.

4.5.2009

Gli scimpanze' premeditano

Gli scimpanzè possono compiere azioni premeditate. Hanno cioè la capacità di programmare in anticipo un'azione, pensando a come poterla mettere in atto al meglio. La dimostrazione arriva da quello che fino a qualche tempo fa poteva essere preso per un primate un po' discolo, il più esuberante tra gli animali ospiti dello zoo di Furivik, in Svezia, capace di reagire in malomodo alla presenza di visitatori non graditi. Invece il lancio di pietre con cui Santino - questo il nome della scimmia - era solito bersagliare quanti passavano nei pressi del suo recinto non era un semplice raptus, ma un qualcosa di studiato in anticipo.
La conferma arriverebbe dagli studi e dalle osservazioni di Mathias Osvath, dell'università di Lund, che ha accertato che Santino era solito procurarsi le munizioni da scagliare contro i suoi bersagli. Lo scimpanzé, 31 anni, maschio dominante del gruppo di primati dello zoo, ha ripetuto in più occasioni le proprie performances (senza fortunatamente riuscire mai a colpire nessuno) e i responsabili del parco si erano più volte chiesti come facesse ad avere sempre sottomano i «proiettili» da lanciare. La risposta è stata che se li procurava in anticipo, raccogliendoli dal fossato pieno d'acqua che circonda l'area degli scimpanzé, tenendoli pronti per usarli alla bisogna.
Santino è la prova vivente - sostengono adesso gli scienziati - che gli animali sono in grado di premeditare, di compiere gesti in vista di azioni future, una caratteristica che veniva finora attribuita esclusivamente alla razza umana. Santino non raccoglieva solo le pietre ammonticchiandole in un preciso punto del recinto. Le rompeva anche, per moltiplicare le munizioni e renderle più aerodinamiche. «Non sono mai riuscito a fotografarlo mentre raccoglieva pietre - racconta al Times Mathias Osvath -: non appena si accorgeva di essere osservato, smetteva immediatamente

4.5.2009

Fiocco rosa per mamma lin hui

Sei anni di tentativi per riuscire a far accoppiare Lin Hui e Chuang Chuang, i due rari esemplari di panda gigante dello zoo thailandese di Chiang Mai, senza nessun risultato. Ma adesso finalmente lo zoo può esporre il fiocco rosa: nel sito di Prontofido le prime immagini della femmina nata nei giorni scorsi. Il parto è stato reso possibile in seguito ad un'inseminazione artificiale. Gli esperti avevano tentato di aiutarli in tutti i modi: prima pensate addirittura con video "pornografici" e una dieta ferrea, infine con l'inseminazione artificiale. Il direttore dello zoo di Chiang Mai, nel nord del paese, ha annunciato che Lin Hi, otto anni, ha partorito un cucciolo femmina di 200 grammi, tre mesi dopo aver ricevuto lo sperma dal suo partner grazie alla provetta. "E' una femmina in buona salute" e la madre "se ne occupa con cura". Nel 2007, Lin Hui era già stata sottoposta all'inseminazione in vitro che non era però andata a buon fine. Il compagno non aveva inoltre reagito alle proiezioni quotidiane di altri panda in fase di accoppiamento. Chuang Chuang, un po' sovrappeso, era poi stato messo a dieta e aveva perso sette chili. La coppia è arrivata dalla Cina nel 2003.
I panda giganti sono noti per la mancanza di libido e fanno parte delle specie minacciate dall'estinzione. Circa 1.600 panda vivono in libertà in Cina, circa 180 invece negli zoo del mondo.

30.4.2009

Ecco la dog friendly

È l'ultima trovata del mondo dell'auto contro la crisi: la vettura, preferibilmente la familiare, con il posto per il cane. Pensate: cuscino lavabile, cinture di sicurezza, ventilatore, contenitore d'acqua e di cibo, scaletta per accedervi, e così via. Perché il posto, naturalmente, è posteriore, o aperto o chiuso. La trovata è della Honda, che ha presentato l'auto per Fido - la Element - al salone di New York e che la metterà in vendita in autunno. Ha dichiarato la portavoce Sage Marie: «L'America è una nazione di cinofili, siamo certi che sarà un modello di successo».
Ma Perché la scaletta e la cintura di sicurezza? Perché Fido potrebbe essere anziano o semi infermo, e se di forte stazza sarebbe difficile portarlo in braccio o spostarlo. Al salone, la Element è stata collaudata proprio da un cane di questo tipo, Sammy. Il prezzo della vettura, di basso consumo di benzina, non sarà eccessivo, sui 20 mila dollari a seconda degli optional.
L'auto “dog friendly” (amica del cane), come la chiama la Honda, è l'ennesima prova della cinofilia degli americani, che nel 2007 hanno speso per gli animali domestici 41 miliardi di dollari, una cifra enorme. I cani, in particolare, sono «fur babies», bimbi con il pelo, surrogati di figli. Come sempre in America, le passioni si traducono in affari colossali. Di qui la trovata della Honda. E in caso di incidenti? I cani saranno assicurati, come gli altri passeggeri. Spiega Shaffer che negli ultimi venti anni in 89 università americane sono stati creati corsi sui diritti degli animali: da quello che spiega come riscuotere l'eredità dei padroni a quello che spiega con quale dei due coniugi andare in caso di divorzio.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.