**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

8.8.2008

Da grande voglio fare l'educatore cinofilo

Eccoci all'appuntamento del venerdi con Daniela Lisi per rispondere ad una mail:
"Abbiamo ricevuto diverse e-mail di ascoltatori che vogliono sapere cosa fare per diventare educatori cinofili.
Prima di tutto volevo ricordare l'importanza di questa figura professionale:
l'educatore cinofilo aiuta a migliorare la qualità di vita tra il cane e il suo proprietario, da le informazioni necessarie per educarlo al meglio e insegna a capirlo e a farsi capire.
Proprio per questo per avere una buona preparazione è obbligatorio frequentare una scuola cinofila, inoltre bisogna avere una forte passione per i cani nonché molta pazienza
Volevo specificare che purtroppo non è così semplice far diventare quella che è una passione, un lavoro a tempo pieno. Per chi ha le possibilità economiche per farlo di sicuro la strada è più breve, si apre un campo di addestramento e si inizia a lavorare… per chi invece questa possibilità non ce l'ha la strada da seguire sarà un po' diversa.. si inizia a lavorare come liberi professionisti a domicilio e poi ci si affida al passaparola…
Di sicuro in entrambe i casi, quello che consiglio è:

prima di tutto, di fare esperienza con cani che non sono i vostri!! Finché non si ha a che fare con i cani degli altri non possiamo dire di conoscerli veramente!

Ma soprattutto consiglio di frequentate il più possibile dei canili! Portate a spasso i cani e magari cercate di insegnargli qualche esercizio! Vi assicuro che è la scuola migliore!! E intanto farete felici quei poveri cani rinchiusi tutto il giorno!
Comunque per chi volesse avere qualche indirizzo di scuole valide sulla Lombardia e Piemonte mi scriva pure a prontofido@prontofido.net"


7.8.2008

Meglio sterilizzare fido e micio

Tutti i cani e i gatti, sia maschi che femmine, che non vengono adibiti alla riproduzione dovrebbero essere sterilizzati chirurgicamente.
L'intervento in questione ha almeno quattro differenti scopi:
rendere gli animali più tranquilli, adattandoli meglio alla convivenza domestica con l'uomo
eliminare tutti i comportamenti indesiderati ingenerati dalle fluttuazioni degli ormoni sessuali presenti nel torrente circolatorio,
porre un freno al già gravoso problema del randagismo canino e felino
ridurre il rischio di insorgenza di patologie a carico dell'apparato genitale, molto comuni nei soggetti anziani.

6.8.2008

W l'agriturismo

A proposito di vacanze col proprio amico a 4 zampe la Coldiretti afferma che: “QUASI LA META' DEI SEDICIMILA AGRITURISMI ITALIANI OFFRE OSPITALITA' ANCHE AGLI ANIMALI E SONO UN ALLEATO NELLA LOTTA CONTRO GLI ABBANDONI ESTIVI”.
A differenza di molti alberghi e pensioni, negli agriturismi i cani possono tranquillamente restare in camera con i loro padroni godendo di una bella cuccia confortevole, acqua fresca e bocconcini prelibati.
In molte aziende agrituristiche si organizzano addirittura corsi di educazione come lo stare seduto, alzarsi o rispondere al richiamo del padrone.
Ma non è tutto, l'ospitalita negli agriturismo è senza limiti di razza e va dal chi-hua-hua al san bernardo, dal bastardino all'elegante levriero afgano.
La Coldiretti conclude che oltre la metà delle aziende sono in collina, e più di un terzo in montagna, mentre appena il 13 per cento in pianura.
Complessivamente si conferma una presenza importante di agriturismi in Toscana e Alto Adige.
Per conoscere gli indirizzi di agriturismo che accettano gli animali www.prontofido.net.

5.8.2008

Aggiornamento ronde anti abbandono estivo

Settimana da bollino rosso per quanto riguarda gli abbandoni di animali sulle strade ed autostrade italiane. Solamente in questo fine settimana si prevedono abbandoni per almeno 800 cani e diverse centinaia di gatti e almeno un migliaio di tartarughe d'acqua.
La settimana che si concluderà domenica 9 agosto è quella maggiormente a rischio per gli abbandoni in quanto si tratta del periodo di corrispondenza del maggiore esodo.
Sono centinaia i volontari che in queste ore sono impegnati in tutta Italia a rispondere alle chiamate degli automobilisti che trovano cani e altri animali abbandonati ai bordi delle strade, si tratta molto spesso di animali abituati a vivere in casa e quindi che si trovano in un forte stato di paura e agitazione e che molto spesso non si fanno avvicinare e che quindi rischiano di provocare anche incidenti stradali.
Un dato positivo per la verità viene dai primi numeri forniti da AIDAA relativa al numero di abbandoni del mese di luglio dove si registra una sensibile riduzione di almeno 10 punti percentuali rispetto ai dati del luglio del 2007 un poco in tutta Italia ma prevalentemente nelle regioni del nord con in testa Veneto, Emilia e Lombardia.
“In questi giorni stiamo lavorando in maniera incessante per tamponare la situazione di forte emergenza dovuta agli abbandoni di animali sulle strade, io stesso questa mattina ho lavorato su diverse segnalazioni giunte al numero di prontofido ed aidaa- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale AIDAA- il vero dramma è la assoluta assenza di collaborazione da parte delle autorità comunali preposte al recupero degli animali, credo che la prossima settimana denunceremo parecchie decine di sindaci e comandi di polizia locale che in questi giorni non si degnano di rispondere alle chiamate dei cittadini che segnalano cani abbandonati e vaganti in mezzo alla strada, questi signori oltre a non garantire un servizio che demanda loro la legge nazionale 281 del 1991 e le leggi regionali di attuazione della medesima, mettono in pericolo di vita decine di automobilisti che rischiano di vedersi spuntare da un momento all'altro un cane spaventato in mezzo alla strada con i rischi che conosciamo, forse si aspettano un morto per poter intervenire. E' una vergogna che si unisce al colasso dei canili ed alla mancanza specialmente al sud dei canili sanitari, a volte per ricoverare un cane salvato da un'abbandono si devono fare quasi 300 chilometri. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo- conclude Croce- carcere per chi abbandona gli animali e severe punizioni per i servizi pubblici inadempienti ma soprattutto un grazie ai volontari di centinaia di associazioni piccole e grandi che in questi giorni stanno operando per salvare gli animali abbandonati”
per info 3478883546

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.