**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.4.2008

L'origine degli elefanti? l'acqua

Sapevate che l'origine degli elefanti non è nelle savane ma bensì nell'acqua? A dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica New Scientist confermando che sono stati trovati i fossili di alcuni loro parenti stretti nelle acque dolci dei fiumi e delle paludi dell'Egitto di 37 milioni di anni fa.
Ma visto che i fossili rinvenuti dello scheletro di questo cugino dell'elefante erano decisamente incompleti, gli studiosi hanno studiato gli isotopi stabili dei denti e i relativi fossili. In questo modo hanno trovato livelli bassi di ossigeno, tipico della vita acquatica.
Comunque secondo gli scienziati questi antichissimi animali erano semi-acquatici e vivevano nelle paludi di acqua dolce dove pascolavano. Il che dimostrerebbe che l'ordine dei proboscidati (cioè gli attuali elefanti) e i loro parenti estinti erano molto imparentati.
Per spiegarci meglio: gli attuali elefanti hanno avuto origine da progenitori anfibi, e c'è una realtà semi-acquatica nella prima fase di evoluzione della categoria dei proboscidati.

22.4.2008

Tutto sul gatto certosino

Oggi parliamo della seconda uscita della collana in DVD dedicata ai nostri amici animali e ai loro proprietari: si tratta di una serie di lezioni per informare i proprietari di cani e gatti su come sceglierli, educarli e conoscerli meglio.
La seconda puntata de “Il mio amico cucciolo” è già in edicola e Riccardo Mazzoni Capo Redattore di Argos e Amici di Casa:
"Il gatto che viene da lontano e alcuni gatti, a prescindere dalla loro diffusione, sono delle vere e proprie leggende: il Certosino è una di queste. Come mai? Per tante ragioni.. ma principalmente per il suo carattere e per la sua storia.Il Certosino è, infatti, un gatto fiero, intelligente e indipendente. Ama sì stare in compagnia... ma non è un gatto appiccicoso. Tant'è che lo si può lasciare a casa da solo senza temere che combini guai.Gatto giocherellone, è anche un grande cacciatore, non ama le famiglia chiassose e, se in casa ci sono ospiti, non lo vedrete mai perdere il suo atteggiamento tranquillo e compassato.La sua storia è molto antica e secondo alcuni il suo nome deriva dal fatto che era stato allevato dai monaci certosini per tenere lontani i topi dai conventi.Un'altra teoria farebbe, invece, risalire il suo nome al suo pelo: sarebbe, infatti, molto simile, per tessitura, a una lana chiamata pile de Chartreux. A conferma di questa teoria si racconta che, proprio per questa loro caratteristica, questi gatti erano molto ricercati per farne abbigliamento.Questa, tuttavia, è una storia antica e oggi il Certosino è apprezzato per il calore che dona ai suoi padroni con la sua compagnia... e non con il suo pelo.Il Dvd dedicato al Certosino, propone, oltre alla sua storia, anche molti utili consigli per alimentarlo e accudirlo nel modo migliore. Essendo un gatto rustico non ha bisogno di particolari accorgimenti. Salvo uno: essendo molto attivo la sua dieta deve essere equilibrata.Il dvd accanto alla storia del Certosino propone anche un interessante parallelo con il Blu di russia... un gatto caro agli Zar e caratterizzato come il Certosino da un bel mantello grigio... anzi blu accompagnato, però, da due grandi occhi di un verde inteso anziché giallo oro.Il dvd dura circa 30 minuti e costa 5 euro e 90 oltre al prezzo delle riviste alle quale è accoppiato. (Argos Il mio gatto, Gatto Magazine , Amici di casa, I nostri amici animali)

21.4.2008

Rana senza polmoni

Un gruppo di ricercatori di Singapore, ha scoperto UDITE UDITE una rana senza polmoni ma che riesce a respirare ugualmente attraverso la pelle.
La rana speciale è piccola, è lunga solo sei centimetri e vive nella foresta pluviale di Kalimatan, la parte indonesiana del Borneo. I primi esemplari erano stati trovati circa trent'anni fa, ma la scoperta era stata tenuta segreta per non perturbare le rane e i loro habitat.
Circa tre mesi fa un nuovo gruppo di ricercatori è ripartito per il Borneo e dopo varie settimane di appostamenti è riuscito a catturare una decina di queste uniche rane per studiarle da vicino, e così si è scoperto che la piccola rana non ha polmoni e che al loro posto ci sono altri organi: milza e fegato e alcune “anomalie cartilaginose” non meglio specificate.
Secondo i ricercatori la scomparsa dei polmoni è un fenomeno di adattamento: pare che le acque dei fiumi che le rane devono attraversare sarebbero letali per i loro piccoli polmoni. Ecco perché le simpatiche, piccole rane possono benissimo vivere con una respirazione epidermica.

18.4.2008

Perche' fido ubbidisce?

Oggi la lezione di Daniela Lisi non vuole insegnarvi nessun nuovo comando ma semplicemente farvi capire perché il nostro cane segue i nostri comandi e non ne soffre.
"Prima di tutto voglio specificare che il metodo di insegnamento di cui vi ho parlato le scorse volte è il metodo gentile, ovvero: attraverso un rinforzo positivo, bocconcini, gioco e lodi, insegniamo al nostro cane l'emissione di un comportamento per il quale in cambio avrà una ricompensa.
Il tutto però ha inizio perché il cane come il lupo, suo vicino parente, è un animale sociale abituato a vivere in un branco.
Il branco è una sorta di grande famiglia ed all'interno di questo esiste una gerarchia, ovvero, ci sono soggetti dominanti e soggetti sottomessi.
La figura più importante di un branco è il leader o capo branco che è la figura cui tutti fanno riferimento e che prende le decisioni.
Per avere un rapporto di fiducia e rispetto con il nostro cane occorre diventare il leader del nostro branco, questo però non significa essere più forti di lui, più cattivi o più aggressivi, un vero capo branco non ricorre praticamente mai alla violenza, ma sono il suo comportamento, l'atteggiamento ed il linguaggio del suo corpo a dimostrarlo.
Se siamo violenti con un cane, se lo sgridiamo fisicamente o se continuiamo a gridare contro di lui non capirà mai che siamo i leader cui affidarsi, ma solo ad avere paura e a voler scappare da noi.
Per sapere qual è il comportamento da tenere per diventare il leader del nostro cane dovete ascoltarci venerdì prossimo perché parleremo proprio delle regole gerarchiche ovvero le regole del branco."


Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.