**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

4.3.2016

Non accetta il trasferimento

"Salve. Vi scrivo perchè 6 anni fa proprio grazie a pronto fido.net ho adotato un cucciolo meticcio che ha vissuto con noi in appartamento.
Da circa 2 mesi ci siamo trasferiti in Sardegna in una casa con 2 cortili piastrellati, dove abbiamo disposto qualche pianta e la sua prima cuccia esterna. Abbiamo provato in tutti i modi a fargli fare i bisogni lì ma senza alcun successo. Confido in un suo consiglio. Fabiana." Risponde la dott.ssa Sabrina Giussani medico veterinario esperto in comportamento animale:
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Cambiare casa è un momento difficile per tutti, anche per il cane e il gatto che vivono con noi. Le vecchie abitudini devono lasciare il posto alle nuove e, quando il cambiamento è davvero importante, l'equilibrio può essere raggiunto con difficoltà. Un cane abituato a passeggiare all'esterno più volte il giorno, annusando, incontrando nuovi e vecchi amici, persone e così via fatica ad adattarsi a una giornata priva di attività. Per quanto riguarda i bisogni, i cani adulti urinano e defecano in luoghi differenti e le minzioni sono realizzate più volte secondo l'odore percepito. È opportuno evidenziare che anche i cani abituati a vivere in giardino, preferiscono fare i bisogni all'esterno: una pipì effettuata molto in alto, sopra quella di un altro conspecifico oppure grattare il terreno dopo aver defecato, sono comportamenti che trasmettono messaggi importanti nella vita del nostro cane. Un cortile interno, piastrellato e qualche pianta non sono sufficienti per soddisfare le esigenze del cane. Consiglio alla Sig.ra Fabiana di chiedere l'intervento di un dog sitter così che il cane possa realizzare almeno due lunghe passeggiate ogni giorno. Arrivederci alla prossima settimana … "






3.3.2016

Le eccezionalità dei cani

Oggi qui al magazine degli animali parliamo di cani e della loro eccezionale abilità di seguire il dito o lo sguardo di un essere umano per indirizzarsi verso un obiettivo. Una capacità che non è presente neanche nei lupi - i parenti più prossimi degli amici a quattro zampe – e neanche negli scimpanzé - i «cugini» prossimi dell'uomo. Adesso un nuovo studio del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology aggiunge un tassello in più alle straordinarie e uniche abilità canine: i cani riescono meglio di qualunque altro animale a comprendere e sfruttare i suoni prodotti dall'uomo.
I ricercatori hanno sottoposto a test uditivi cani adulti e cuccioli da otto a quattordici settimane di vita. La sfida consisteva nel trovare un pasto gustoso all'interno di alcune scatole. Dagli esperimenti è emerso che tutti i cani, cuccioli inclusi, hanno utilizzato gli spunti offerti dalle voci dei ricercatori per scovare il premio nel posto giusto. I cani che avevano trascorso maggior tempo con l'uomo sono quelli risultati più abili nello sfruttamento dei suoni umani per avere qualche indizio in più. Viva i nostri amici cani. E' tutto

2.3.2016

Cane blocca una messa

E' successo in una chiesetta cattolica boliviana dove veniva celebrata una messa per bambini malati di cancro, e così durante la funzione avviene una inaspettata quanto piacevole interruzione. Il protagonista dell'intrusione è stato un cane randagio entrato nella una chiesa. Stiracchiandosi, rotolandosi per terra in pochi istanti il quattrozampe ha attirato l'attenzione dei presenti. E così quello che poteva essere un momento di preghiera, di raccoglimento profondo e serio, si è presto trasformato in un clima rilassato e di risate. A questo punto lo show è arrivato a interrompere la messa, portando il prete ad accogliere a suo modo l'ospite speciale. Ma non è tutto: «Il prete ha chiesto che il cane non venisse disturbato perché è una creatura del Signore ed è felice», si legge nella didascalia di alcune foto pubblicate sul web. Con nessun guinzaglio visibile intorno al collo, il cane era probabilmente un randagio di un quartiere vicino. Alla fine la sua allegria e felicità è stata contagiosa, così come ha sottolineato il sacerdote: anche i bambini malati potrebbero trarre beneficio da un sorriso e da qualche risata. Quello che è successo in quella chiesa non è molto diverso da quello che sempre più spesso molte strutture ospedaliere, in giro per il mondo, sta cercando di fare: puntare sull'effetto terapeutico dei cani per migliorare il benessere emotivo e la qualità della vita di un molte persone, tra cui i malati di cancro.

1.3.2016

Le stelle aiutano le balene

Vi piace quardare le stelle? Le stelle correranno in aiuto delle balene, per la precisione della balenottera azzurra: 33 metri di lunghezza e 180 tonnellate di fragilità quando si confronta con l'uomo.
Cielo, mare e terra vengono collegati per salvare questi mammiferi marini dalle collisioni con le navi. Ci ha pensato la Nasa con il progetto «Whale watch», letteralmente «osserva la balena», che si traduce in un «cerca dove la balena potrebbe essere». Gli esperti dell'ente spaziale, con l'agenzia federale per le risorse marine, ha dato il via al progetto partendo dai dati sugli esemplari e sui loro spostamenti. I numeri, raccolti nell'arco di 15 anni, riguardano luoghi e ore, profondità dell'oceano e concentrazione di cibo: insomma tutto quel che può far prevedere dove le balene si concentreranno e come si sposteranno. «Certo, il satellite non è in grado di dire dove il kril sarà più abbondante - si legge in un documento della Nasa - ma può dirci dove il krill sarà probabilmente in concentrazione maggiore e, quindi, attirerà le balene».
E intanto.. le stelle stanno a guardare
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.